Catanzaro, Confcommercio: "Nel 'Commercio al dettaglio' nel centro storico perse 35 imprese"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, Confcommercio: "Nel 'Commercio al dettaglio' nel centro storico perse 35 imprese"
Pietro Falbo, presidente Confcommercio Catanzaro

presentata in questi giorni la settima edizione dell'osservatorio sulla demografia d’impresa dell'Ufficio Studi Confcommercio

  03 marzo 2022 16:55

È stata presentata in questi giorni la settima edizione dell'osservatorio sulla demografia d’impresa dell'Ufficio Studi Confcommercio che osserva principalmente i cambiamenti del commercio e delle imprese ricettive nelle città italiane negli ultimi dieci anni (2012 – giugno 2021), con particolare riguardo ai centri storici, sulla base della planimetria di riferimento fornita dalla piattaforma Geoplan.

Nel dettaglio la macrocategoria del “Commercio al dettaglio” ha subito, nel comune di Catanzaro, una variazione negativa dal 2012 al 2021, sia all’interno del centro storico, nel quale si perdono 35 imprese con una variazione di -15,1%, sia fuori dal centro storico, nel quale si registra una perdita di 38 imprese con una variazione di -4,2%. Regge, al contrario, il comparto relativo ad “Alberghi Bar e Ristoranti”, grazie, soprattutto, alla crescita delle imprese localizzate fuori dal centro storico, dove si registra un incremento di ben 56 attività.

Banner

“Il difficile contesto economico degli ultimi anni, - ha commentato Pietro Falbo, Presidente di Confcommercio Catanzaro - aggravato ulteriormente dal lungo periodo di emergenza dovuto alla pandemia, ha inevitabilmente colpito il tessuto imprenditoriale del comparto del commercio, che, nel territorio catanzarese, è rappresentato principalmente da imprese di piccole dimensioni.
Questa costante desertificazione commerciale, che potrebbe addirittura peggiorare a seguito delle ripercussioni della guerra Ucraina sul caro energia, impone, con urgenza, l’attuazione di politiche di rigenerazione urbana che riaffermino il ruolo centrale dell’economia terziaria come fattore imprescindibile di sviluppo economico.Appare, dunque, indispensabile creare le condizioni ideali, anche attraverso l’interconnessione con gli enti locali, per cogliere le opportunità che possono derivare dagli interventi come il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Proprio con questa prospettiva è stata costituita la Fondazione VentiVentuno, voluta da Confcommercio Calabria Centrale, e che nasce con l’obiettivo primario di supportare le amministrazioni locali in tutte le fasi progettuali.”

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner