Catanzaro. Disagi idrici. Riccio e Gallo: "Serve incontro pubblico Comune - Sorical"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Disagi idrici. Riccio e Gallo: "Serve incontro pubblico Comune - Sorical"
Eugenio Riccio e Roberta Gallo

I consiglieri comunali Eugenio Riccio e Roberta Gallo si esprimono in merito alla problematica idrica in città: "Invitiamo enti e uffici preposti, Comune e Sorical, a un incontro pubblico e trasparente".

  23 giugno 2021 12:20

RICCIO E GALLO: “CRISI IDRICA, SERVE INCONTRO PUBBLICO COMUNE-SORICAL”

 “Come ormai capita da diversi anni con l’approssimarsi dell’estate e dell’aumento esponenziale delle temperature, molti quartieri della nostra città, soprattutto quelli popolari della zona sud, lamentano la mancanza di acqua potabile con tutte le deprecabili, ovvie conseguenze igienico-sanitarie. Come ormai capita da diversi anni in queste situazioni puntuali sono anche le solite scuse e argomentazioni degli addetti ai lavori, che imputano il problema della cronica carenza idrica, ai famigerati allacci abusivi a scopi agricoli o di altro genere (giardini, piscine etc.). Bene, anzi male". 

Banner

Esordiscono così i consiglieri comunali Eugenio Riccio e Roberta Gallo, in merito ai gravi disagi idrici che stanno attanagliando la città.

Banner

"Ci corre l’obbligo, dunque, di fare una piccola riflessione in merito. Se si imputa agli allacci abusivi la penuria di acqua in città, ne consegue che gli uffici preposti conoscano perfettamente il fenomeno. Quindi ci chiediamo: sono stati perseguiti e denunciati all’autorità giudiziaria questi ladri seriali di acqua? Gli uffici tecnici comunali sono in grado di fornirci qualche dato? -continuano- 

Banner

Volendo far luce su questa situazione per meglio informare l’opinione pubblica, cioè i cittadini, sulle vere motivazioni della cronica mancanza d’acqua a Catanzaro, invitiamo enti e uffici preposti, Comune e Sorical, a un incontro pubblico e trasparente: il confronto fra le parti coinvolte è l’unica strada percorribile per tentare di trovare una soluzione alla gravissima crisi idrica che sempre di più attanaglia la nostra città. Lo dobbiamo ai nostri concittadini per i tanti sacrifici fatti nel corso di questi mesi a causa di fattore esterni completamente indipendenti dalla loro volontà”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner