Catanzaro, Fiorita e Pisano chiedono che un'ala del Palazzo Fazzari sia intitolata a Quirino Ledda

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, Fiorita e Pisano chiedono che un'ala del Palazzo Fazzari sia intitolata a Quirino Ledda

  30 agosto 2019 18:05

“Era la fine di aprile quando, in tempi e situazioni diverse, avevamo lanciato la proposta di intitolare una piazza o un luogo simbolico della città alla memoria di Quirino Ledda. Non è necessario ricordare le motivazioni che avevamo addotto a sostegno di questa proposta, essendo stato da tutti riconosciuto il contributo politico, culturale e sociale di Ledda alla crescita del capoluogo di Regione". I consiglieri comunali Nicola Fiorita e Giuseppe Pisano firmano una nota congiunta sull'intitolazione di un'ala di Palazzo Fazzari a Ledda.

"Le sue battaglie in favore della pace, della cooperazione, della tutela del patrimonio artistico, della bellezza, della legalità, sono impresse nella memoria collettiva della nostra terra, così come la sua speciale attenzione nei confronti di un patrimonio architettonico come Palazzo Fazzari, uno degli edifici più iconici di Catanzaro. Ed è proprio questa speciale attenzione che, a nostro avviso - proseguono i consiglieri-, dovrebbe orientare la scelta del luogo che custodisca e tramandi il ricordo di Ledda".

Banner

"In questo tempo, in cui abbiamo valutato le procedure e le difficoltà per procedere alla intitolazione di una via, abbiamo maturato la convinzione che la scelta più opportuna sarebbe quella di legare la figura di Quirino Ledda alla sala principale di Palazzo Fazzari: questo, è ovvio, non appena sarà ultimata la bella ristrutturazione che ripristinerà per sempre lo splendore della sede in pieno centro storico. A breve - chiosano Fiorita e Pisano -formalizzeremo la nostra proposta all’assessore ai Servizi demografici Alessandra Lobello: siamo sicuri che la farà propria, a nome di tutta l’amministrazione. Quirino Ledda è stato un grande catanzarese, ancorché d’adozione, che merita di essere commemorato in un luogo pubblico che sia riconosciuto e riconoscibile da tutti”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner