Catanzaro, Fiorita: "Un anno vissuto intensamente: 30 impegni rispettati e ora viene il resto"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, Fiorita: "Un anno vissuto intensamente: 30 impegni rispettati e ora viene il resto"
Nicola Fiorita
  30 dicembre 2023 09:04

di NICOLA FIORITA*

 
«Il primo passo non ti porta dove vuoi, ma ti toglie da dove sei». La frase attribuita al regista Alejandro Jodorowsky può sintetizzare quello che abbiamo fatto nei sei mesi del 2022 in cui siamo stati chiamati ad amministrare la nostra Città. Abbiamo compiuto un primo passo per togliere la Città dal torpore in cui era caduta e dal senso diffuso di rassegnazione. Ma anche per cancellare una montagna di debiti e contenziosi lasciataci in eredità.
Il 2023 è stato, invece, un anno vissuto intensamente e proficuamente, non privo di ostacoli e di momenti difficili, ma ora sappiamo bene dove ci porterà il nostro impegno. E poiché in politica è fondamentale rispettare gli impegni solennemente assunti con gli elettori – e contenuti nelle linee programmatiche – sento il dovere di sottolineare le principali cose fatte, le 30 promesse già mantenute nel 2023 con i fatti e con i documenti, non con le chiacchiere o la facile propaganda.
E’ chiaro che siamo appena al 20% della realizzazione del mio programma di governo. Ci vorrà ancora tempo, pazienza, caparbietà, coraggio e un po' di fortuna.
Sono 30 impegni di forte impatto, anche se tante altre cose, forse meno appariscenti, abbiamo realizzato nei vari settori. Ma andiamo con ordine.
 
 N. 1 – FUORI DAL LETARGO IL PIANO STRUTTURALE COMUNALE (PSC), L’INDISPENSABILE STRUMENTO URBANISTICO
Avevamo preso l’impegno di sbloccare la redazione del Piano Strutturale Comunale (PSC), quello che un tempo si chiamava Piano Regolatore, lo strumento destinato a dare ordine allo sviluppo urbanistico della Città. Lo abbiamo fatto, con un lavoro certosino e paziente, ascoltando le forze vive della Città, arrivando alla predisposizione del cosiddetto Documento Preliminare. Dopo l’approvazione in Consiglio Comunale del Documento preliminare, ora si tratta di portare questo documento di programmazione e di regole, che prevede il consumo zero di territorio, all’approvazione entro la fine del prossimo anno. Il disegno della Città del futuro è tracciato.
 
N. 2 - LA “GRANDE CATANZARO” E’ PARTITA CON L’ADESIONE DI 15 SINDACI
Non era una trovata elettorale. Siamo riusciti là dove gli altri si erano fermati agli annunci: abbiamo messo attorno ad un tavolo i Sindaci dei Comuni dell’Area di Catanzaro per parlare di progetti condivisi e prospettive di sviluppo. Ci sta aiutando anche l’ANCI nazionale a concretizzare questo sogno che dovrà vedere una forte sinergia tra i Comuni in tema di servizi, di trasporti, di assetto urbanistico. Un primo, simbolico passo concreto lo abbiamo fatto con la Carta dei Comuni del Politeama che ha visto l’entusiastica adesione di 15 Sindaci. Stiamo lavorando ad un servizio di protezione Civile comune. Tutti assieme saremo più forti.
 
N. 3 - IL “NUOVO” STADIO NICOLA CERAVOLO A TEMPO DI RECORD
C’era bisogno di uno stadio in regola con le norme tecniche della Lega Calcio e il Catanzaro, trionfatore del campionato di serie C, rischiava di giocare fuori casa parte o tutto il campionato. La Regione ci ha dato i soldi, ma noi abbiamo compiuto un vero miracolo e in pochi mesi il “Ceravolo” è stato completato e le Aquile volano alto. Tutto ciò ci ha anche consentito di salutare il ritorno di una nazionale azzurra a Catanzaro (Italia-Polonia under 20). Ma non ci fermiamo qui. Abbiamo le idee chiare come completare l’opera non appena avremo i finanziamenti regionali: nuove curve ed eliminazione dei pilastri della tribuna coperta.
 
 N. 4 - CI SIAMO RIPRESI IL POLO FIERISTICO “GIOVANNI COLOSIMO”
Lo avevamo detto e lo abbiamo fatto: riprenderci dalla Regione il Polo Fieristico, ex Area Magna Graecia. Era stato utilizzato con Hub Vaccinale e la convenzione che lo affidava al Comune era scaduta. Siamo riusciti a stipulare una nuova convenzione e riaprire la struttura per effettuarvi dei concorsi. In attesa di nominare il management che si occuperà del Polo Fieristico, lo abbiamo intitolato ad un grande catanzarese, un mecenate della cultura e dello sport, il Cavaliere del Lavoro Giovanni Colosimo.
 
 N. 5 - RILANCIATA L’ATTIVITA’ AL PORTO CON LA CONCESSIONE DEI PONTILI, ORA SI VA VERSO I LAVORI DI COMPLETAMENTO (CON UN PARTNER PRIVATO)
Senza pontili e con l'iter di completamento dei lavori bloccato: così era il porto due anni fa. Avevamo promesso di rimettere in sesto la situazione e lo abbiamo fatto. Da questa estate sono funzionanti i pontili che hanno permesso di ormeggiare 150 imbarcazioni. Ma ancora più importante è stato sbloccare la Valutazione di Impatto Ambientale che impediva di utilizzare i 20 milioni di euro per il completamento. E proprio perché i soldi non bastano, abbiamo deciso di cercare un partner privato a cui affidare la realizzazione delle opere e la gestione dei servizi. Tutto ciò si concluderà a febbraio prossimo con la pubblicazione del bando ufficiale.
 
N. 6 - IL DEPURATORE, LA PUZZA NON C’E’ PIU’ E IL COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA
Per la prima volta dopo molti anni, l'insopportabile puzza emanata dal depuratore non ha guastato l'estate catanzarese. Era una delle promesse più importanti fatte in campagna elettorale. Con i primi lavori di adeguamento tecnico, con la sostituzione di 300 metri di condotta, il grave inconveniente è stato in buona parte risolto. Ma i lavori continuano, grazie ad un finanziamento di 2 milioni di euro, perché il depuratore era veramente malridotto. Abbiamo messo in campo in campo un complesso di interventi per il risanamento della rete fognaria comunale in diverse zone prive di collettamento: via Fiume Busento, Bellino, il lungomare tra la Fiumarella e il Corace; via Alto Adige e via Costa Leone Nobile; la realizzazione dell’impianto di sollevamento di fosso Barbaruzza. Un programma di lavori per ulteriori due milioni di euro, risorse interamente comunali e già nella disponibilità dell’Ente, a cui si aggiungono 700mila euro di finanziamento regionale.
 
N. 7- LA RICUCITURA DEL LUNGOMARE E IL VIADOTTO PEDONALE SULLA FIUMARELLA
Non volevamo assolutamente perdere il finanziamento per il viadotto pedonale sulla Fiumarella, un’opera importante per ricucire i due tronchi del lungomare storico. Ce l’abbiamo fatta e ora sono partiti i lavori di questa suggestiva e utile passerella affacciata sul nostro mare.
 
 N . 8 - LA BANDIERA BLU, UN PUNTO DI PARTENZA PER LIDO
Da anni Catanzaro non otteneva la Bandiera Blu. E’ vero: è un riconoscimento che bisogna guadagnarsi sul campo, anno per anno, e per questo dobbiamo fare di tutto per conservarlo. Si tratta della conferma che il futuro di Catanzaro è anche e soprattutto legato al mare e all’ambiente.
 
N. 09 - IL MAXI PROGRAMMA DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO PER LE SCUOLE
Dare alle famiglie luoghi più sicuri e confortevoli e ricostruire il senso di comunità ripartendo dai presidi di educazione e formazione. E’ questo l’obiettivo che caratterizza un programma senza precedenti che vede la città di Catanzaro pioniera in Calabria sul fronte del risparmio energetico per le scuole. Grazie all’intesa firmata nell’ambito della convenzione Consip che riguarda 52 plessi comunali, il Comune di Catanzaro nell’arco di nove anni potrà conseguire risparmi economici per 1milione 400mila euro. Non solo, cinque scuole sono interessate da interventi sull’eco efficienza e la riduzione dei consumi di energia: scuola primaria Samà, scuola dell’infanzia “A. Giglio IC Mater Domini”; scuola primaria Sala Campagnella, scuola Infanzia Aranceto e scuola media Siano. Un’attenzione per l’edilizia scolastica che si integra con i lavori di completamento della scuola media di Santo Janni, che prenderanno avvio il 3 gennaio, e il progetto di ricostruzione del Plesso scolastico Piano Casa.
 
N. 10 - RECUPERATI GLI IMPIANTI SPORTIVI DI BASE, PALAZZETTI, STADI E PALESTRE
Abbiamo ereditato palazzetti aperti a singhiozzo e non pienamente agibili. Oggi il Palagallo, che verrà interessato da ulteriori lavori per 120mila euro, è tornato ad ospitare campionati, tornei ed eventi sportivi, e abbiamo voluto garantire una gestione continuativa anche del palazzetto di via Paglia, favorendo la massima apertura degli impianti rispetto alle esigenze delle associazioni sportive e degli atleti. L’obiettivo è restituire all’utilizzo naturale anche le palestre scolastiche: i lavori in quella Pontegrande, abbandonata da decenni, sono partiti e altri ne seguiranno.
 
N. 11 – LE PISTE CICLABILI
Catanzaro punta alla creazione di una rete integrata di infrastrutture green e sostenibili. La pista ciclabile lungo l’asse ricompreso fra il torrente della Fiumarella, la stazione ferroviaria di Lido e la Cittadella universitaria per uno sviluppo complessivo di 12 Km, consentirà di collegare le aree del Policlinico e dell’Università a Germaneto con i principali centri abitati e quartieri. Progetto che si coniuga con la creazione di un nuovo percorso ciclabile dalla foce del fiume Alli alla foce del fiume Corace, passando per le dune di Giovino. Sarà anche una straordinaria opportunità di valorizzazione del territorio che permetterà di esplorare potenzialità finora rimaste inespresse in ambito turistico, ambientale e sportivo.
 
N. 12 – L’ISOLA PEDONALE, DALLA SPERIMENTAZIONE DEL SABATO A QUELLA PERMANENTE TRA PIAZZA GRIMALDI E PIAZZA SANTA CATERINA
L’istituzione dell’isola pedonale permanente su corso Mazzini era e resta l’impegno più solenne e anche più difficile. Nessuno vi è mai riuscito. Siamo passati dalla sperimentazione del sabato pomeriggio (e delle festività) alla definizione del progetto che ci porterà – grazie alla condivisione con residenti e commercianti – a chiudere tra qualche mese definitivamente al traffico il tratto piazza Grimaldi-Piazza Santa Caterina (Questura).
 
N. 13 – PARCO GENZIANA
Un’altra area particolarmente critica tornerà presto ad una piena fruibilità, dopo un lungo periodo di sostanziale abbandono. Dell’intervento di restyling di Parco Genziana, a Mater Domini, di recente aggiudicazione, beneficeranno gli sportivi e i più giovani, grazie alla riqualificazione del campo di gioco multidisciplinare con calcio e basket. Ma l’attenzione sarà rivolta anche ai cittadini più anziani che potranno godere di uno spazio per il tempo libero dignitoso e ben attrezzato con tavoli multifunzione e sedute.
 
N. 14 - L’ELIMINAZIONE DEL SOTTOPASSO DI VIA LENZA
Un intervento che rivoluzionerà il modo di arrivare a Gagliano, attraverso la rifunzionalizzazione della viabilità in entrata e in uscita dall’antico quartiere. Grazie ad un progetto sostenuto nell’ambito di Rigenerazione urbana, dopo decenni di disagi, si potranno finalmente dimenticare i significativi rallentamenti al traffico determinati dal sottopasso di via Lenza, che verrà superato con la costruzione di una nuova strada di collegamento. Una soluzione per garantire una circolazione più sicura e comoda.
 
N. 15 – IL RECUPERO DI GALLERIA MANCUSO
Galleria Mancuso rappresenta una delle tessere più significative della nostra visione legata al decoro, alla fruibilità e alla vitalità del centro storico. L’unico spazio al chiuso che attraversa Corso Mazzini, tornerà a nuova vita con nuovi impianti di riscaldamento e di illuminotecnica capaci di esaltare le geometrie del progetto originario. Nuovi arredi di forte impatto visivo renderanno accattivanti gli spazi ripensati per ospitare eventi e proiezioni con la creazione di un’isola multimediale e di due piccole ‘piazze mediterranee’. Galleria Mancuso sarà un gioiello di design e tecnologia.
 
N. 16 - IL NUOVO IMPIANTO SPORTIVO INDOOR DI CORVO
Consegnati i lavori per la nuova cittadella dello sport a Corvo, un impianto polivalente destinato ad attività non agonistiche di basket, pallavolo, padel e arti marziali su una superficie di circa 7.500 metri quadrati, a pochi passi dal PalaGallo. L’obiettivo è riqualificare, anche dal punto di vista sociale, un’area che ha bisogno di maggiori attenzioni e che sarà rinaturalizzata e attrezzata, resa accessibile a tutti e anche eco-sostenibile grazie all’installazione di un impianto fotovoltaico.
 
N. 17 - IL RILANCIO DEL POLITEAMA CON LA SCUOLA DI BALLO E IL RITORNO DELLA LIRICA
La nascita della prima scuola di ballo del Teatro Politeama con la direzione del maestro Giovanni Calabrò è un segnale concreto della volontà di puntare su una rete di poli formativi che possano dare l’opportunità ai nostri giovani talenti di crescere restando nel nostro territorio. Formazione che si coniuga con produzione, come nel caso della lirica che è ritornata dopo un lungo stop al Politeama grazie alla nuova sinergia con Sicilia Classica Festival. Vogliamo un teatro sempre più aperto alla città per costruire il pubblico del domani.
 
 
N. 18 - LA RIQUALIFICAZIONE DI VILLA MARGHERITA
Sarà una vera e propria rinascita per Villa Margherita. Il progetto approvato dalla giunta, dal valore di un milione di euro, mira a valorizzare l’approccio di sostenibilità ambientale con il restauro delle statue, la manutenzione della pavimentazione, l’implementazione di un sistema di illuminazione innovativo e il rinnovamento delle aree verdi. Anche l’area ludica polifunzionale sarà completamente rinnovata, per diventare un centro di attrazione culturale e ricreativa, puntando alla creazione di nuove strutture e servizi.
 
N- 19 - IL PROGETTO DELL’EX GASOMETRO
Un’azione indirizzata al cuore antico della città e destinata a dargli nuovo slancio, recuperando memoria e facendone ricchezza. L’ex gasometro rappresenta un prezioso patrimonio di archeologia industriale dalle potenzialità finora inespresse: l’abbiamo voluto salvare dal degrado, dandogli una identità precisa e una funzione strategica, pensando a un grande centro di aggregazione che ruoti intorno al food, con l’ambizione di farne uno dei più grandi nel suo genere nel Mezzogiorno d’Italia.
 
N. 20 - NUOVA VITA PER I CENTRI SOCIALI E PER IL VOLONTARIATO
La riapertura dei centri sociali rientra nell’ambito dei progetti di sviluppo di comunità e sperimentazione del welfare generativo di quartiere che l’amministrazione ha inteso mettere al centro della propria agenda. I centri di Pontepiccolo e, a brevissimo, quelli di Gagliano e di Corvo riaprono i battenti grazie alla gestione affidata alle realtà del Terzo Settore. Progetti che mirano ad una sostenibilità a lungo termine, generando un impatto positivo e duraturo sulla comunità.
 
N. 21 - LA GRANDE MOSTRA “CAPOLAVORI SVELATI” E 500 MILA EURO PER IL SAN GIOVANNI
Arte, storia, cultura, passato e presente: il Complesso Monumentale di San Giovanni ha ospitato la grande mostra “Capolavori svelati. Catanzaro tra patrimonio artistico pubblico e collezionismo privato”. Con un grande lavoro di ricerca, siamo riusciti a valorizzare il ricco patrimonio artistico del territorio, facendo riscoprire quei “tesori” nascosti che appartengono alla nostra storia e alla nostra cultura. Uno stimolante esperimento di collaborazione che ha contribuito a creare un nuovo spirito comunitario. Un punto di ripartenza per il San Giovanni che ha bisogno di interventi strutturali per poter preservare la piena funzionalità: tornerà utile il finanziamento ministeriale di oltre 500mila euro, intercettato anche grazie al lavoro del Comune.
 
N. 22 - IL RITORNO DELLA NOTTE PICCANTE, DEGLI EVENTI NATALIZI E DI SAN VITALIANO
Molti cittadini ci avevano chiesto di fare tornare alcuni eventi che in passato avevano contribuito a vivacizzare il centro storico. Non è stato facile, ma siamo riusciti a fare tornare la Notte Piccante, con una marea umana di gente, gli eventi natalizi e il Capodanno, i festeggiamenti civili del Santo Patrono San Vitaliano.
 
N. 23 - GLI AQUILONI, LE REGATE, I BIKE TOUR: LE NOVITA’ DELL’ESTATE CATANZARESE
C’era bisogno di una ventata di novità negli eventi estivi a Lido. Ci abbiamo provato – con ottimi riscontri – con il Festival degli Aquiloni, con le mini regate veliche al porto e con i bike tour alla scoperta del quartiere marinaro. Il tutto all’insegna del vento e della difesa dell’ambiente.
 
N. 24 - LA CITTA’ DELLE REGOLE, RIMOSSE QUASI 100 CARCASSE ABBANDONATE, SCOVATI 29 ALLACCI ABUSIVI, 6 DISCARICHE, SANZIONI PER 123 CONDOMINI, UN SEGNALE NELLA LOTTA ALLA DEIEZIONI CANINE: SANZIONATI 7 PROPRIETARI
I cittadini ci chiedevano di cominciare a fare rispettare le regole in una città dove ognuno di sentiva autorizzato ad allacciarsi abusivamente alla rete idrica o abbandonare le carcasse di auto sulle pubbliche vie. Bene. Facciamo parlare i numeri. Nel 2023 abbiamo scovato 29 allacci abusivi alla rete idrica, con tanto di denuncia penale per furto di acqua, 6 discariche abusive e uno scarico di acque reflue. Molto incisiva l'azione sulle carcasse abbandonate: 96 auto rimosse e avviati procedimenti contro i proprietari. Molte le sanzioni comminate a vari soggetti: 123 condomini, 47 attività commerciali, 38 per mancato diserbo , 59 per scarichi reflui. Un segnale anche per i proprietari di cani che non raccolgono le deiezioni: 7 di loro sono stati sanzionati.
 
N. 25 – FINALMENTE IL NUOVO COMANDANTE DEI VIGILI URBANI
Da quanti anni mancava il comandante della Polizia Locale? Ci abbiamo messo qualche mese in più, ma ora i Vigili Urbani hanno finalmente la loro guida e si potrà mettere mano alla riorganizzazione del Corpo.
 
N. 26 – ELIMINIAMO LE BRUTTURE, LA BARCACCIA DI PIANICELLO E IL MURO DEL PIANTO DELL’OSPEDALE
Dobbiamo inseguire il bello, ma anche eliminare il brutto. Abbiamo cominciato con due orribili ferire, l’inguardabile “barcaccia” del Pianicello e ora – non appena tra qualche giorno ci sarà consegnato dall’Azienda Ospedaliera – il “muro del pianto” di viale Pio X. Continueremo anche nel 2024 nella “caccia” alle brutture che sfregiano la nostra città.
 
 N. 27 – LA PINETA DI GIOVINO SEMPRE PIU’ VIVIBILE
Riserviamo un’attenzione costante al grande polmone verde a due passi dal mare con alcuni interventi mirati. Per ultimo l’installazione di attrezzature sportive che potranno essere liberamente utilizzate per gli allenamenti all’aria aperta in pineta. E poi una continua attività di sensibilizzazione ambientale, con le scuole e le associazioni, e di promozione dell’area delle dune di Giovino con le sue peculiarità naturalistiche e faunistiche.
 
N. 28 – APPALTATI E A BUON PUNTO I LAVORI PER LA RIAPERTURA DELL’AULA DEL CONSIGLIO COMUNALE
Tra le tante, tantissime eredità lasciateci c’è anche l’aula del Consiglio comunale, la cosiddetta “aula rossa”, chiusa da anni dopo il crollo del soffitto. Siamo riusciti ad appaltare e consegnare i lavori che saranno completatati entro qualche mese, restituendo alla Città il simbolo della democrazia che ha anche funzioni di sala convegni. L’intervento costerà 700.000 euro.
 
N. 29 I PATTI DI COLLABORAZIONE PER LA CURA DEI BENI COMUNI
E’ partito il percorso per creare un rapporto tra cittadini e amministrazione volto alla cura, alla rigenerazione e alla gestione condivisa dei beni comuni, attraverso la stipula dei Patti di collaborazione. Siamo affiancati in questo cammino da “Labsus”, il sodalizio più autorevole operante in Italia nel settore, e abbiamo già ricevuto tante istanze dai quartieri. E’ un’esperienza consolidata altrove, ma innovativa per Catanzaro. Con i giusti strumenti operativi, ci si può prendere cura del patrimonio comune e, al tempo stesso, alimentare la coscienza civica.
 
N. 30 LE NUOVE PIATTAFORME INTERRATE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI
Per l’amministrazione è fondamentale migliorare i livelli percentuali di raccolta differenziata con sistemi innovativi per il conferimento dei rifiuti. In questa direzione rientra la realizzazione di piattaforme interrate e isole ecologiche scarrabili per il conferimento controllato dei rifiuti. Tredici strutture nel territorio comunale, sette nel centro storico e sei nel quartiere marinaro, dove si potrà conferire il multimateriale, il vetro e la frazione organica con identificazione dell’utente liberando strade e marciapiedi dall’ingombro della spazzatura.
Abbiamo detto 30, ma una piccola in più vogliamo aggiungerla perché abbiamo destinato 5mila euro alla tutela degli animali della città. E’ la prima che succede a Catanzaro.
 
N. 30 bis LA MICROCHIPPATURA GRATUITA DEI CANI DI PROPRIETA’
Siamo a lavoro per organizzare, all’inizio del nuovo anno, una giornata gratuita per la microchippatura dei cani di proprietà nel territorio comunale. Non solo, per la prima volta verranno il Comune sosterrà, nei limiti delle disponibilità, gli interventi di sterilizzazione degli amici a quattro zampe contribuendo alle spese necessarie da sostenere presso i propri veterinari di fiducia. Un altro tassello nell’opera di salvaguardia degli animali d’affezione, mettendo al centro il valore dell’educazione e della prevenzione.
 
 E ORA IL RESTO
Un anno di lavoro proficuo, ma non basta. Se abbiamo realizzato il 20% del programma, vuol dire che ancora dobbiamo concretizzare il restante 80%: Ce la faremo! Nel 2024 dovremo intanto chiudere il cerchio su due questioni vitali: l’approvazione del PSC e l’inizio dei lavori del porto. E poi c’è tantissima carne al fuoco: l’area dei giardini Nicholas Green, il futuro della pineta di Siano, le comunità energetiche rinnovabili.
Sappiamo che ci sono anche questioni di enorme importanza che hanno bisogno di tempi più lunghi per essere risolte: l’acqua (e molto dipende da Sorical più che dal Comune), la situazione delle strade, il diserbo, la qualità dei trasporti. Anche e soprattutto su queste problematiche non mancherà il nostro impegno.
Intanto, una piccola sorpresa colorata ci sarà nei primissimi giorni dell’anno nel centro cittadino: la scalinata tra via Piave e via Milano lascerà il grigio per far spazio ai colori dell’installazione artistica di Massimo Sirelli dedicata alle immagini più rappresentative della città. Un segnale che ci viene dall’arte e che in maniera beneaugurante tingerà una scalinata a cui siamo molto affezionati.
*sindaco di Catanzaro

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner