Catanzaro, Giuseppe Pisano: "Sconfitta alle Amministrative e scarsa rappresentanza in Parlamento colpa dei leader centrodestra"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, Giuseppe Pisano: "Sconfitta alle Amministrative e scarsa rappresentanza in Parlamento colpa dei leader centrodestra"
Giuseppe Pisano
  23 agosto 2022 14:18

“All’indomani della presentazione delle liste dei candidati alle elezioni politiche qualcuno che ricopre incarichi apicali nel centrodestra catanzarese si ritrova costretto a leccarsi le ferite perché non adeguatamente rappresentato nelle griglie di partenza che contano. Piuttosto che chiedersi quali siano stati i criteri alla base delle scelte calate dall’alto sui nomi, sarebbe stato più utile interrogarsi sulle cause che hanno portato a questa situazione e che risalgono molto indietro nel tempo". Lo scrive l'ex consigliere comunale Giuseppe Pisano.

"In un mio precedente intervento, all’inizio dell’anno, avevo già evidenziato il clima di confusione imperante in questo centrodestra privo di visione e progetto già da diversi mesi. La prova evidente - afferma Pisano - è stata la sconfitta alle amministrative di Catanzaro che è frutto di lacerazioni e divisioni che, alla fine, hanno prevalso sull’opportunità di percorrere una strada politica precisa in modo unitario e compatto. Ribadisco che sono stati proprio i leader storici a uccidere il centrodestra a Catanzaro e a impedire, al tempo stesso, un ricircolo di uomini e donne che avrebbero rappresentato una linfa vitale per il futuro".

Banner

"Il gioco della “prima donna” ha prodotto sul territorio gli scenari che sono sotto gli occhi di tutti, prima alle elezioni comunali e domani a quelle politiche, senza che ancora qualcuno abbia fatto un passo indietro pur di assicurare quella inversione di rotta ormai decisiva. Catanzaro non avrà una sua degna rappresentanza al Parlamento, almeno dal punto di vista numerico, e a perdere saranno ancora una volta i militanti e chi crede ancora nella politica, sacrificati sull’altare degli interessi personali dei “leader” senza autorevolezza", conclude Pisano.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner