Catanzaro, Giusy Pino: "Dal fondo povertà le risorse per realizzare dormitorio, docce e lavanderia per i bisognosi"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, Giusy Pino: "Dal fondo povertà le risorse per realizzare dormitorio, docce e lavanderia per i bisognosi"
Giusy Pino
  05 luglio 2024 15:38

Docce pubbliche e lavanderia per i senzatetto e per gli indigenti che vivono senza servizi igienici in casa. E’ quanto l’amministrazione comunale, con un’apposita delibera di giunta, ha inteso mettere a disposizione delle persone in difficoltà investendo parte delle somme destinate dalla Regione Calabria all’Ambito sociale di Catanzaro con il Fondo per la lotta alla povertà, in particolare per interventi e servizi a favore di persone in condizione di povertà estrema e senza dimora.

L’assessore alle Politiche sociali, Giusy Pino, spiega che con il provvedimento varato dalla giunta Fiorita “si è inteso prendere atto di quanto determinato dalla Conferenza dei sindaci per realizzare un servizio che, a fronte di un investimento moderato, può generare un beneficio sicuramente di alto rilievo, venendo incontro a chi vive in estrema sofferenza. Il progetto che abbiamo inteso realizzare prevede la messa a disposizione di un dormitorio, con erogazione di prima colazione e cena per un determinato e limitato periodo di tempo, e la realizzazione di un servizio docce e lavanderia accessibili anche agli utenti esterni che non hanno la possibilità di provvedere alla propria cura e igiene”. L’assessore Pino aggiunge che “un altro criterio posto alla base del servizio, e che dovrà essere rispettato dal futuro aggiudicatario a seguito di avviso pubblico, è che gli stessi presidi dovranno essere allocati nei pressi di una stazione ferroviaria o, comunque, di punti strategici facilmente raggiungibili con mezzi pubblici da qualunque territorio comunale facente parte dell’Ambito Sociale di Catanzaro. Un piccolo passo in avanti che l’amministrazione comunale vuole compiere, colmando una lacuna di servizi da destinare alle fasce povere e promuovendo una piccola azione a tutela della dignità dei più bisognosi”.

Banner

 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner