Catanzaro, i consiglieri di Azione spingono sul tema della violenza di genere

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, i consiglieri di Azione spingono sul tema della violenza di genere
Gianni Parisi, Valerio Donato e Stefano Veraldi
  12 dicembre 2023 09:45

 
I consiglieri Valerio Donato, Gianni Parisi e Stefano Veraldi del gruppo di “Azione” hanno depositato giovedì 7 dicembre un atto di indirizzo del Consiglio Comunale, avente ad oggetto l’impegno degli organi del Comune di Catanzaro, ad azioni di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne. In particolare, i consiglieri comunali di Azione sollecitano il Comune ad attivarsi, oltre che presso le farmacie comunali, anche presso le farmacie private e le altre attività commerciali del territorio di Catanzaro per promuovere l’adesione alla campagna di sensibilizzazione con l’introduzione sugli scontrini, in un formato ben visibile, della frase “Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522” ma anche sulle buste e bustine utilizzate per fare acquisti.
 
"L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, ha designato il 25 novembre come data della ricorrenza della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” (a ricordo delle tre sorelle Mirabal, violentate e uccise il 25 novembre 1960 nella Repubblica dominicana) invitando i governi, le organizzazioni internazionali, e gli enti locali a organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica a quello che oggi è, giustamente, considerato un fenomeno non emergenziale ma strutturale – si legge nell’atto d’indirizzo – la Convenzione di Istanbul, approvata dal Comitato dei ministri dei Paesi aderenti al Consiglio d’Europa il 7 aprile 2011, impegna gli Stati firmatari, con norme giuridicamente vincolanti ed armonizzate al livello europeo, a prevenire ed a contrastare le violenze contro le donne ed a proteggere e sostenere le vittime contro qualsiasi forma di violenza, ed in particolare a prevenire la violenza domestica, a proteggere le vittime, a perseguire i trasgressori, riaffermando la violenza contro le donne come una violazione dei diritti umani e come forma di discriminazione."
 
"Ogni anno, la “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” ci ricorda che c’è ancora necessità di lavorare affinché si arrivi ad una piena e completa parità di genere, che passa attraverso la lotta alla violenza contro le donne di tipo fisico, sessuale, psicologico ed economico. La violenza contro le donne, intesa come ostacolo al conseguimento degli obiettivi di uguaglianza, sviluppo e pace è un fenomeno che riguarda un numero importante di persone, circa la metà della popolazione mondiale. Eventi e azioni per accrescere la consapevolezza dell’opinione pubblica su questo tema sono fondamentali".
 
Scrivono ancora Donato, Parisi e Veraldi: «La violenza basata sul genere, inclusa anche la violenza domestica, come definita nella Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (la cosiddetta “Convenzione di Istanbul”), approvata dal Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa il 7 aprile 2011, rappresenta una grave violazione dei diritti umani, che affonda le sue radici in una profonda, e persistente, disparità di potere tra uomini e donne e in una organizzazione patriarcale della società che ancora oggi permea le pratiche e la vita quotidiana di milioni di uomini e donne in Italia».
 
Quindi, il Gruppo consiliare di Azione propone il seguente atto di indirizzo del Consiglio Comunale con cui i consiglieri si impegnano: "ad aderire alla “Carta Europea per l’Uguaglianza e la Parità delle Donne e degli Uomini nella vita locale”, a sostenerne gli impegni e ad attivarsi per favorire e metterne in pratica proposte ed azioni; a promuovere maggiormente la diffusione e la conoscenza delle modalità specifiche di accoglienza e protezione nell’ambito dei locali Servizi sociali, Associazioni e Centri antiviolenza; a pubblicare sul sito del comune, in modo ben visibile, il numero del servizio pubblico antiviolenza e stalking “1522”, operativo 24 ore su 24, accessibile gratuitamente su tutto il territorio nazionale, per l’emersione e il contrasto del fenomeno della violenza sulle donne; ad attivarsi, oltre che presso le farmacie comunali, anche presso le farmacie private e le altre attività commerciali del territorio di Catanzaro per promuovere l’adesione alla campagna di sensibilizzazione con l’introduzione sugli scontrini, in un formato ben visibile, della frase “Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522” ma anche sulle buste e bustine utilizzate per fare acquisti".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner