Catanzaro, il centrodestra: "Noi con l'Italia sostiene il governo di centrosinistra e ha avuto un posto in Giunta e uno nello staff"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, il centrodestra: "Noi con l'Italia sostiene il governo di centrosinistra e ha avuto un posto in Giunta e uno nello staff"
Palazzo De Nobili
  20 agosto 2022 15:57

"Nonostante l’Amministrazione Fiorita governi da molto poco tempo, le continue contraddizioni interne alla coalizione di Cambiavento esplodono ormai giorno dopo giorno", a dichiararlo i partiti del centrodestra al Comune di Catanzaro.

"Durante l’ultimo Consiglio comunale, infatti, al fine di pagare dazio dei voti ottenuti per eleggere alla presidenza del Consiglio comunale Gianmichele Bosco - comunista folgorato sulla via della Fiamma - la coalizione guidata da Nicola Fiorita ha votato in maniera compatta (su indicazione dell’On. Tallini) la consigliera Manuela Costanzo per il ruolo di Vice presidente. Il giorno dopo il ballottaggio, infatti, è stato sottoposto, e controfirmato dalla suddetta consigliera eletta in opposizione, un documento in cui il sindaco le garantiva una quantomai ambigua “agibilità politica”.

Banner

"Ciò - aggiungono - viene confermato non solo da una dichiarazione in Consiglio comunale della stessa Costanzo, ma anche da ben due comunicati del Tallini, il quale, di concerto con il suo collega di partito, Antonello Talerico, cerca di colorare questa scelta come un gesto d’amore per la città, compiuto gratis et amore dei. Menzogna: smentita da fatti e da atti. Il partito di Tallini e Talerico, infatti, è stato ben ricompensato con un posto in giunta e uno nello staff del sindaco Fiorita. Entrambi ruoli lautamente retribuiti".

Banner

In questa grottesca vicenda sono due le cose che ci lasciano letteralmente sconcertati: La prima - dicono- è la faccia tosta con la quale Tallini e Talerico rivendicano con fantomatica coerenza la loro appartenenza al centrodestra. La coalizione del centrodestra al Comune è quella che siede fieramente all’opposizione e in quel ruolo rimarrà, esattamente dove l’hanno collocata i cittadini tramite il loro voto, mantenendo la compattezza che ci ha visti marciare insieme durante le precedenti consiliature comunali e che ci vedrà marciare insieme alle elezioni politiche;  La seconda è il silenzio assordante di Fiorita e Bosco, i quali, probabilmente sopraffatti dalla vergogna, preferiscono tacere da ben 5 consigli comunali e non smentire sulla stampa le sortite di Tallini.  Insomma per concludere con una citazione di gattopardiana memoria: “tutto cambia perché nulla cambi”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner