Catanzaro, il difettoso funzionamento dell'airbag possibile concausa di un mortale incidente stradale

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, il difettoso funzionamento dell'airbag possibile concausa di un mortale incidente stradale

  06 luglio 2024 13:40

Nell’ambito dell’attività di indagine condotta dalla Polizia Stradale di Catanzaro e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro, relativa a procedimento penale avente ad oggetto il decesso di una donna, Martina Guzzi a seguito di incidente stradale in Catanzaro (LEGGI QUI), sono emersi elementi per ipotizzare, allo stato, la concausa della morte connessa al difettoso funzionamento dell’airbag TAKATA, installato sull’autovettura Citroen C3 condotta dalla vittima.

Il difetto di funzionamento consisterebbe nella circostanza che il composto chimico che ha causato l’esplosione incontrollata dell’airbag, si altera nel corso del tempo e diviene sempre più instabile, soprattutto in presenza di condizioni di elevata temperatura e umidità.

Banner

La suddetta vettura era oggetto di una campagna di richiamo da parte di Groupe PSA Italia S.p.a., titolare del marchio Citroen, unitamente ad ulteriori vetture del marchio DS dotate dello stesso grave difetto [ https://www.mit.gov.it/comunicazione/news/auto-campagna-urgente-di-richiamo-veicoli-citroen-c3-e-ds3 ]

Banner

Sono emersi, peraltro, precedenti casi simili di esplosione incontrollata degli airbag TAKATA che hanno cagionato lesioni ai conducenti delle vetture.

Banner

Il procedimento per la fattispecie di reato ipotizzata è ancora nella fase delle indagini preliminari.

Gli airbag TAKATA con analoghi problemi di sicurezza risultano attualmente installati su 173.328 veicoli circolanti sull’intero territorio nazionale, prodotti dal 2009 al 2019, di questi 920 veicoli circolano nella provincia di Catanzaro.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner