Catanzaro, inaugurata la mostra fotografica “Nega” di Antonino Bartuccio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, inaugurata la mostra fotografica “Nega” di Antonino Bartuccio

  24 giugno 2024 20:50

di CARLO MIGNOLLI

Ultimo appuntamento della rassegna "Le grandi mostre di fotografia dell'umano". Da oggi fino al 7 luglio sarà visibile al pubblico, presso lo spazio “Coriolano Paparazzo” di Corso Mazzini 189, la mostra fotografica “Nega” del siciliano Antonino Bartuccio, autore del primo piano della bambina che ha dato il titolo alla mostra, "Le grandi mostre di fotografia dell'umano".

Banner

Presenti all’evento, oltre all’autore dello scatto Antonino Bartuccio, anche Donatella Monteverdi, assessore alla cultura del comune di Catanzaro e Francesco Mazza, promotore della rassegna.

Banner

Banner

Lo scatto di cui parliamo, è nato nel 2004 durante un viaggio del fotografo in Brasile, quando durante una visita in un villaggio di pescatori, Bartuccio ha incontrato una bambina di nome Nega.

Dopo poco l’opera ha avuto un impatto profondo sia sulla carriera dello stesso che sul panorama artistico internazionale: questa fotografia è diventata una delle immagini più condivise e utilizzate sul web, ispirando artisti di tutto il mondo a creare opere basate su di essa.

La foto della bambina ha dato vita al "Nega Project", iniziativa che mira a raccogliere fondi per sostenere le comunità più povere del Brasile e altre regioni del mondo. Il progetto ha visto la partecipazione di numerosi artisti che, attraverso le loro opere, hanno contribuito a diffondere il messaggio di solidarietà e bellezza insito nello scatto originale.

Con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni di vita nelle aree più povere del mondo, la mostra ha anche l’obiettivo di promuovere un senso di appartenenza globale. “Nega” chiude il primo ciclo della rassegna fotografica che riprenderà in autunno con due mostre, la prima sul sovraffollamento delle carceri e la seconda sul tema della follia. Si proseguirà anche l’anno prossimo e nel 2026.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner