Catanzaro. Innovazione, comunicazione, creatività: giugno ricco di premi per l'Istituto 'De Nobili'

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Innovazione, comunicazione, creatività: giugno ricco di premi per l'Istituto 'De Nobili'

  23 giugno 2021 15:11

Un mese di giugno esplosivo, una  conclusione d’anno scolastico ricca di premi e  riconoscimenti per i ragazzi del Liceo Artistico dell’Istituto “De Nobili” di Catanzaro, rappresentato dal Dirigente Angelo Gagliardi. I giovani studenti, infatti,  si sono distinti ancora una volta sul territorio nazionale, vincendo diversi premi e portando a casa un carico di soddisfazioni.

Tra 10 istituti e oltre 250 studenti coinvolti, il progetto della studentessa Noemi De Marco si è aggiudicato il terzo posto del contest Samsung, lanciato in occasione dell’arrivo della gamma di frigoriferi BESPOKE. A Milano, lo scorso 15 giugno, la Samsung Electronics Italia, azienda da sempre impegnata nella diffusione della cultura dell’innovazione, attraverso lo sviluppo di progetti di formazione digitale, ha annunciato  i vincitori del contest “BESPOKE – BeCreative”, che ha coinvolto gli studenti di 10 licei artistici e istituti secondari di secondo grado di grafica in un’iniziativa digitale che combina innovazione, comunicazione, creatività e il concetto di “italianità” in una veste che unisce tradizione e tensione al futuro.

Banner

Banner

L’iniziativa è stata sviluppata in occasione del lancio di BESPOKE, il nuovo elettrodomestico lifestyle di Samsung che racconta una nuova interpretazione del concetto di frigorifero, con focus su design, esclusività e personalizzazione. La giovane Noemi è salita sul podio con il suo lavoro che è un autentico tuffo nei paesaggi del Sud, reso possibile dalla tecnica del trompe-l'oeil. La rappresentazione che tende al reale, è una finestra che si apre alla tradizione italiana più radicata: buon cibo, vista soleggiata che si affaccia sul mare.

Banner

Nella giornata dell’11 giugno, inoltre, la referente  del progetto “Domani è oggi”, Margherita Capitani e la referente distrettuale del Rotaract 2080, Giulia De Fusco, hanno consegnato presso la sede del Liceo Artistico di Piazza Le Pera, il materiale vinto lo scorso anno scolastico, in piena pandemia, con la partecipazione al concorso indetto dalla medesima associazione sui disturbi alimentari: per l’occasione gli alunni Chiara Troiano, Antonio Iannizzi e Rocco Logozzo hanno realizzato un cortometraggio ricco di emozioni  e riflessioni dal titolo “ Riflessi e riflessioni”.

Un lavoro portato a termine con caparbietà ed  edizione , nonostante il periodo di emergenza  sanitaria che ha permesso di allestire un laboratorio di  serigrafia , dotare gli alunni di cavalletti portatili per incrementare le attività di arti figurative e perfezionarsi con l’uso del pirografo. Nella stessa giornata, le alunne Roberta Longobardi della classe terza indirizzo grafico e Naika Mascaro della  classe quinta indirizzo figurativo, coadiuvate dalle docenti di indirizzo, hanno ritirato il premio di 500 euro per la partecipazione al concorso indetto dal Rotary Club, rappresentato dal presidente pasquale Placido e il Rotary Catanzaro Tre Colli , con l’adesione di altri distretti Rotary. Le alunne, attraverso una  rielaborazione artistica e  suggestiva , hanno affrontato con elaborati diversi il tema “Uomo e ambiente”, uno scatto fotografico rielaborato poi in veste grafica, è l’opera di Roberta che rappresenta una bambina che sostiene la terra in mano e lo fa con un occhio chiuso, a  dimostrare che c’ è chi chiude gli occhi ignorando i problemi del nostro pianeta e un occhio aperto , di chi, invece vuole  salvaguardare la terra tutelarne la “salute”.. l’altra opera, quella di Naika, dal titolo “la città fantasma” è realizzata con acrilico e uniposca su cornice  di vetro e coniuga perfettamente il rapporto uomo-natura, mettendo in risalto come, in una  città vuota a  causa  della pandemia in atto, l’unica  cosa viva   e colorata  siano glia  alberi.

“Nomadi Creativi” è un concorso indetto ogni anno per gli studenti delle scuole italiane secondarie di secondo grado, e ha l’obiettivo di condividere con i giovani l’innovazione sociale, tra sfide tematiche (la gara) e momenti di confronto (Aperitivi Creativi). Lo scopo è creare una vera è propria community che, attraverso un grande concorso, rivolto agli studenti di tutte le scuole superiori italiane di secondo grado, darà l’opportunità a ragazze e ragazzi di cimentarsi con quella che è diventata una delle modalità di trasmissione di contenuti più amata dai giovani: il podcast. Il Liceo artistico ha partecipato con la  realizzazione  di un podcast che ha permesso di portare a casa un primo premio: il tema, la DAD, vissuta e interpretata dal punto di vista del docente  e dello studente. Infine, la partecipazione al  Concorso Nazionale “Il Velo d’Italia”, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, con cui la Croce Rossa Italiana cerca di sensibilizzare gli studenti sul tema delle forme di discriminazione legate al fenomeno migratorio attraverso la solidarietà e l’arte, con l’obiettivo ultimo di creare comunità più inclusive in grado di promuovere la tolleranza, la cultura della non violenza, il rispetto reciproco ed eliminare le barriere del pregiudizio. L’edizione speciale 2021 del Contest “Il Velo d’Italia” intende stimolare tra i giovani una riflessione critica sui temi della discriminazione e dell’esclusione sociale dei soggetti vulnerabili, sugli atteggiamenti conflittuali della nostra quotidianità, sui fenomeni di non accettazione dell’altro, di stereotipizzazione e pregiudizio, invitando gli studenti a ragionare anche sulle conseguenze che l’attuale pandemia di Covid-19 comporta per la categoria sociale delle persone migranti.

L’alunna Maria Grazia Alfieri ha  partecipato elaborando la poesia “ Mio caro gentil caporale” sul fenomeno del caporalato e sulla discriminazione sociale di coloro che sono vittima di sfruttamento lavorativo nelle campagne della Piana di Gioia Tauro, ovvero sulle conseguenze che la diffusione della pandemia di Covid-19 ha avuto sulle condizioni di vita degli stessi braccianti.

“Si conclude per il nostro Istituto- ha detto il Dirigente Gagliardi- un anno molto difficile, ma i premi ricevuti in queste occasioni e in molte altre nel corso dell’anno scolastico, sono il giusto riconoscimento per l’impegno  e la  tenacia che ha contraddistinto i docenti e gli alunni che, con determinazione, hanno accettato le sfide proposte”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner