Catanzaro. Integrazione aziende ospedaliere: firmato atto di indirizzo per modificare la legge regionale

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Integrazione aziende ospedaliere: firmato atto di indirizzo per modificare la legge regionale
Eugenio Riccio

L’istanza è stata presentata dal primo firmatario Eugenio Riccio e sottoscritta dal Presidente dell’Assise comunale, Marco Polimeni, e dagli altri consiglieri Altomare, Angotti, Ciciarello, Costa, Manuela Costanzo, De Sarro, Gallo, Levato, Rosario Mancuso, Procopi e Talarico.

  09 luglio 2021 13:15

Un atto di indirizzo per impegnare il Sindaco Sergio Abramo, il Consiglio comunale, i Consiglieri regionali e i tutti i Parlamentari eletti nella circoscrizione, a chiedere al Commissario ad acta per la sanità calabrese, Guido Longo, di modificare la legge regionale sull’integrazione delle aziende ospedaliere disponendo l’incorporazione del Pugliese-Ciaccio nella Mater Domini.

L’istanza è stata presentata dal primo firmatario Eugenio Riccio e sottoscritta dal Presidente dell’Assise comunale, Marco Polimeni, e dagli altri consiglieri Altomare, Angotti, Ciciarello, Costa, Manuela Costanzo, De Sarro, Gallo, Levato, Rosario Mancuso, Procopi e Talarico.

Banner

Il testo dell’atto di indirizzo recita così: “Da anni si susseguono i tentativi di redazione di una legge regionale che sancisca l’integrazione fra l’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio e l’Azienda ospedaliero-universitaria Mater Domini. L’integrazione è l’unica strada perseguibile per razionalizzare, potenziare e modernizzare il servizio sanitario pubblico del Capoluogo di Regione, nel quale sono attivi il più grande ospedale hub e l’unica Facoltà di Medicina della Calabria. L’integrazione deve nascere necessariamente, per evitare l’ennesima bocciatura da parte del Governo, tramite incorporazione dell’Azienda Pugliese-Ciaccio in quella Mater Domini.

Banner

Questa rappresenta la soluzione utilizzata in tutte le altre regioni italiane, dove le aziende ospedaliere sono incorporate in quelle ospedaliero-universitarie. Solo e soltanto l’integrazione, con la contestuale creazione di un’azienda ospedaliero-universitaria unica da 730 posti letto, blinderebbe la Facoltà di Medicina dell’Università Magna Graecia e le sue importanti Scuole di Specializzazione mediche”. Nella missiva, si sottoscrive dunque l’impegno “a chiedere al Commissario per l’attuazione del Piano di rientro nella Sanità, che ha i poteri per farlo, di modificare l’apposita Legge regionale per istituire, finalmente, un’azienda unica tramite incorporazione”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner