Catanzaro. L'ambulatorio di Emofilia del 'Pugliese' chiude ad agosto, il Codacons: "Interruzione di pubblico servizio"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. L'ambulatorio di Emofilia del 'Pugliese' chiude ad agosto, il Codacons: "Interruzione di pubblico servizio"

  16 luglio 2021 09:05

"L’ambulatorio di emofilia dell'Ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro chiude per ferie e la riapertura, “in settembre”, non è neppure garantita, ma soltanto “eventuale”. In Calabria anche la salute va in ferie e, forse, sarà garantita a settembre…chissà. Garantire le ferie ed il riposo a personale medico ed infermieristico è sacrosanto, ciò che è intollerabile – sostiene in una nota il vicepresidente del Codacons Francesco Di Lieto – è che finiscano per essere penalizzati i cittadini, ai quali viene negato un servizio fondamentale". 

"La chiusura di interi reparti o ambulatori, non può essere consentita perché lede in maniera inequivocabile il diritto alla salute. 
Quanto si sta verificando finisce per comportare un ulteriore abbassamento dei livelli essenziali di assistenza – sostiene il Codacons – che già vede la nostra regione tristemente in fondo a tutte le classifiche nazionali. Senza contare che i tanti malati finiranno per affollare il Pronto Soccorso, per non affrontare decine e decine di chilometri sotto la calura estiva, rendendo ancor più massacrante il lavoro in quel reparto, oppure chi avrà bisogno sarà costretto a rivolgersi al privato. Ecco, non vorremmo che questa sorta di inefficienza programmata fosse un modo per favorire gli appetiti privati. Da giorni riceviamo segnalazioni da parte di malati che sono seriamente preoccupati per l’annuncio di una chiusura per ferie …quasi a tempo indeterminato (la riapertura è indicata solo come “eventuale”)" sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons.

Banner

"Per questo motivo chiediamo lumi alla direzione dell’Azienda Ospedaliera,  perchè se effettivamente ad agosto i pazienti troveranno l’ambulatorio chiuso ci troveremmo dinnanzi ad una interruzione di pubblico servizio, su cui non potrà non intervenire l’Ufficio di Procura.
In caso di chiusura, infatti, si dovrà prendere atto come, nella più grande struttura sanitaria della regione, non sussistano più le condizioni per garantire il diritto alla salute ed il mantenimento dei servizi minimi. Proviamo a pensare al dramma dei tantissimi pazienti, soprattutto anziani, che necessitano frequentemente del controllo della coagulazione del sangue. Per questo motivo pretendiamo di conoscere quale siano i programmi preventivi assunti dai manager dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” per garantire il rispetto del diritto alla salute dei Cittadini e quali iniziative abbiano posto in essere – conclude Di Lieto – per fronteggiare un evento “imprevisto e imprevedibile” come l’estate e le ferie dei propri dipendenti. Ovviamente laddove la chiusura dell’ambulatorio sia confermata riterremo i vertici dell’Azienda Ospedaliera personalmente responsabili di quanto dovesse capitare ai malati e di tutti gli esborsi che saranno chiamati a sopportare per un diritto, la salute, incredibilmente negato".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner