Catanzaro, le opere di Giuseppe Spatola in mostra al MARCA

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, le opere di Giuseppe Spatola in mostra al MARCA

Il focus sarà inaugurato il 2 aprile alle ore 18.00

  31 marzo 2022 13:21

Aquarium è il nuovo format del progetto Ceilings, a cura di Simona Caramia e Giuseppe Negro, che nel 2022 vedrà susseguirsi una serie di mostre tra l’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, il MARCA – Museo delle arti di Catanzaro e il Bocs Art Museum di Cosenza, grazie a un accordo di valorizzazione con la Fondazione Rocco Guglielmo, e il Comune di Cosenza, fortemente voluto dal  dott. Giuseppe Bruno, Dirigente del settore Cultura - Turismo.

Al centro delle ricerche ci saranno le collezioni museali, che da sempre sono oggetto di interesse di Ceilings.

Banner

A partire dalla collezione dell’ABA – che dal 2014 a oggi ha acquisito oltre duecento opere, esemplificative della sua storia dagli anni della fondazione al presente – la sala lettura della prestigiosa sede dell’ex Educandato si trasformerà in un “acquario”, con le sue ampie vetrate luminose e la diretta contaminazione con il paesaggio circostante. Così come nell’acquario sono poste sotto osservazione e studio varie forme di vita acquatiche, Aquarium prenderà in esame il mondo dell’arte, attraverso lo studio delle collezioni permanenti e la ricerca di alcuni artisti.

Banner

Difatti dopo la permanenza nell’acquario dell’Accademia, gli artisti esporranno al MARCA oppure al Bocs Art Museum: in entrambi i casi una sezione di opere saranno poste in dialogo con le collezioni permanenti dei Musei.

Banner

Il primo focus espositivo è dedicato alla ricerca di Giuseppe Spatola, le cui opere esposte nell’Acquario saranno visibili dal 2 aprile al MARCA. Artista raffinato, Spatola riflette sul mito attraverso lo sguardo del contemporaneo e viceversa sul mondo d’oggi attraverso la mitologia del passato. Stigmatizzando il “teriomorfismo”, ovvero l’attribuzione di forma animale a divinità e personaggi mitici, Spatola realizza microcosmi ibridi, nei quali sono assemblati oggetti disparati, diversi tra loro, unificati dal bianco, unico colore di elezione dell’artista. I protagonisti dei suoi lavori sono creature a metà tra lo stato animale e quello umano. Ne emerge una creaturalità, a tratti inquieta e inquietante, a tratti di una bellezza affascinante, che sopravvive al tempo e si trasforma nel tempo: dall’antica Grecia – è il caso dei due kuros, l’uno con testa di cavallo, l’altro con testa di toro – fino al presente, con i supereroi della Marvel, i personaggi iconici di Walt Disney  e di saghe cinematografiche molto amate. La mostra sarà visibile al MARCA fino al 15 maggio.

Il focus sarà inaugurato il 2 aprile alle ore 18.00 alla presenza del Direttore del Museo dott. Rocco Guglielmo, del Direttore dell’Accademia prof. Virgilio Piccari, dei due curatori Simona Caramia e Giuseppe Negro e dell’artista Giuseppe Spatola.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner