Catanzaro. Marisa Laurito in "Così parlò Bellavista" inaugura la stagione teatrale di AMA Calabria

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Marisa Laurito in "Così parlò Bellavista" inaugura la stagione teatrale di AMA Calabria

  03 novembre 2021 23:30

di CLAUDIA FISCILETTI

Il romanzo cult di Luciano De Crescenzo diventa un'opera teatrale. "Così parlò Bellavista", dopo la sua forma cinematografica del 1984, arriva a teatro questa sera, precisamente al Teatro Comunale di Catanzaro, in occasione dell'apertura della stagione teatrale di AMA Calabria, ideata e diretta da Francescantonio Pollice. Un'opera che pone in evidenza l'essenza della città di Napoli e dei suoi personaggi in cui il pubblico si può rispecchiare in ogni loro sfaccettatura, in ogni loro pregio o difetto.

Banner

"Si è sempre meridionali di qualcuno", una delle battute più conosciute dell'opera è rimasta nell'adattamento teatrale fatto da Geppy Gleijeses, espressivo interprete protagonista di Bellavista, affiancato da altri due attori partenopei, Marisa Laurito, la moglie di Bellavista, e Benedetto Casillo che, per l'occasione, veste i panni dello stesso ruolo ricoperto nell'84, quello di Salvatore vice sostituto portiere. Sullo sfondo della ricostruzione cinematografica della corte del Palazzo dello Spagnolo a Napoli, uno dei luoghi principali del film, si snodano le vicende narrate con filosofia e intelligenza da De Crescenzo, che creano terreno fertile per situazioni ancora attuali.

Banner

Uno spettacolo, "Così parlò Bellavista", che usa ogni spazio a sua disposizione non solo sul palco, ma anche in platea, con una scena in particolare, quella del "cavalluccio rosso", che si svolge tra il pubblico, perché l'arte finalmente si riprende i suoi spazi e lo fa con un tocco da maestro, quello di Gleijeses, inevitabilmente guidato da De Crescenzo.

Banner

Il prossimo spettacolo della stagione teatrale di AMA Calabria a Catanzaro si terrà il 12 novembre, al Teatro Comunale alle 21, con "Piazzolla, antes y Despuès" di Hector Ulises Passarella. Una vera panoramica della musica rioplatense dove si ascoltano i bellissimi tanghi antichi che tanto piacevano a Jorge Luis Borges, insieme a brani di Luis Bacalov (che Héctor Ulises Passarella ha registrato per il cinema), di Astor Piazzolla e dello stesso Maestro Passarella.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner