Catanzaro. Nasce l’associazione "Food Centro Storico": dal Cavatore a Bellavista la scommessa di 28 ristoratori

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Nasce l’associazione "Food Centro Storico": dal Cavatore a Bellavista la scommessa di 28 ristoratori

  28 settembre 2021 12:38

Mai più chiusi ad agosto. Ma non solo. Nel sogno e nel progetto di "Food Centro storico" (F.C.S.) c'è l'ambizione e lo spirito creativo di un'associazione che vuole far rinascere e riportare Catanzaro ad un primato economico, culturale e sociale che la città merita. Dal Cavatore a Bellavista, i ristoratori scendono in campo in prima persona e creano "un brand associativo", “un’associazione di via”. 


A presentare il progetto che per ora registra l'ok di 28 attività commerciali (ma l'obiettivo è diventare almeno 40) . Sandro Laugelli, presidente dell'associazione, spiega che “l'idea nasce dopo la pandemia. Abbiamo prospettive e progetti per il centro storico. Vogliamo puntare su uno scambio di storie ed esperienze da mettere a disposizione tra di noi e per la città. Dobbiamo avere forza, legale e sociale". Il vicepresidente sarà invece Massimo Esposito: “Ci siamo chiesti cosa potessimo fare per svegliare la città. Nasce questo progetto perché tutti insieme ne facciamo un carattere unico per la città. Perché Catanzaro non può valorizzare il suo centro storico?".

Ivan Procopio è un perno centrale dell'associazione che vuole fare rete in città per mostrarsi più forte, credibili ed appetibili a turisti e affini: "Progetto ambizioso, a 360 gradi. Siamo un gruppo volenteroso per cui saremo lo zoccolo duro dell’economia di questa città, già lo siamo e lo saremo ancora di più perché rappresenteremo la luce. Rivendicheremo il posizionamento, per essere da stimolo: saremo propositivi". 

Nel concreto, al di là di una serie di eventi che si potrebbero fare, c'è di più: protocolli di servizio, formazione, condividere strategie comunicative comuni. Ma anche un altro aspetto decisivo e una funzione che potrebbe rivelarsi essenziale: diventare interlocutore di peso con le amministrazioni comunali, attraverso cui passano scelte importanti per far rivitalizzare il centro storico. Dal caro affitti alla pedonalizzazione del corso, dagli eventi alla viabilità: la sfida è iniziata.

Partecipano: Sandro Laugelli (presidente), Feel Spirits & More; Massimo Esposito (vice presidente), Caffè Foyer; Ivan Procopio (componente Consiglio Direttivo), Gelateria Amedeo; Salvatore Ascrizzi, L'intervallo; Agostino e Tommaso Brutto, Ristorante Porta Marina; Antonio Calarco e Roberta Biamonte, Slurperie Bistrot; Lucia Chiricò, Pizzeria Chiricò; Simone Costantino, Movì Restaurant; Melania Curcio, La Creperita; Francesco Currao, Pizzeria Topolino; Carlo Dolce, Ristorante L'Opera; Stefano Ferrajuolo, Pizzeria La Lanterna; Gianluca Giacomelli, Articolo Il; Daniel Manolo Infusino, #Manò Piccola Panineria di Strada; Luigi Masciari, Simon Pub; Nicola Merante, Bike Bar & Wine il Cavatore; Pietro Mungo, Tiny House; Antonio Paonessa, Grill House; Santina Pultrone, I Vinattieri; Alberto Rosati, Bar Mignon; Luigi Rotella, Outsider House; Danilo Rotundo, Wasabi City; Salvatore Rotundo, Bar One; Alessandro Ruffa, Caffetteria del Corso; Nicoletta Saverio, Ristorante-Pizzeria-Braceria Bellevue; Antonio Tassone, panificio e pasticceria Tassone; Chiara Tolomeo, Bar Anna 70; Raffaele Trapasso, Colazione da Tiffany.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner