Catanzaro, negata la libertà al prof accusato di abusi sessuali a scuola

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, negata la libertà al prof accusato di abusi sessuali a scuola
Foto di archivio
  19 giugno 2024 17:47

di STEFANIA PAPALEO

Le parole delle due studentesse contro le sue. Nient'altro a provare quella terribile accusa di violenza sessuale che lo ha portato agli arresti domiciliari lo scorso 14 maggio. E nulla di più è servito ai giudici del Tribunale del Riesame di Catanzaro per lasciarlo agli arresti domiciliari. Così il professore di un Istituto superiore cittadino si è visto rigettare l'istanza di scarcerazione presentata nel suo interesse dagli avvocati difensori di fiducia Fabrizio Coscarella e Donatella Montesano.

Banner

Resta in piedi, dunque, per il momento, l'ipotesi di reato messa su dal sostituto procuratore Graziella Viscomi, che aveva chiesto e ottenuto un'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Fabiana Giacchetti. Nelle carte del magistrato, la ricostruzione di diversi episodi di presunte molestie commesse dal docente, tra le mura dell'Istituto scolastico cittadino, sulle studentesse che avevano deciso di rivolgersi alla preside, confermando poi le accuse davanti a magistrato che le aveva sentite in modalità protetta.

Banner

All'indagato e agli avvocati ora non resta che attendere le motivazioni della decisione assunta dai giudici, per valutare l'opportunità di ricorrere in Corte di Cassazione al fine di chiedere ancora una volta la revoca degli arresti domiciliari in atto.
LEGGI QUI LA NOTIZIA DELL'ARRESTO

Banner

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner