Catanzaro, odissea per un intervento chirurgico: prima la "preparano" e dopo 7 ore la rimandano a casa

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, odissea per un intervento chirurgico: prima la "preparano" e dopo 7 ore la rimandano a casa

E' successo all'ospedale "Pugliese Ciaccio" dove una giovane donna è stata rimandata a casa dopo essere stata sottoposta a tutta una  serie di esami atti all'intervento chirurgico

  17 luglio 2022 09:10

di TERESA ALOI

La mala sanità non è solo danni causati da errori medici. E' anche cattiva organizzazione, visite specialistiche "bloccate" da liste d'attesa.  E, interventi chirurgici programmati ma non effettuati.

Banner

E' ciò che è successo a Catanzaro, all'ospedale "Pugliese Ciaccio", dove una giovane donna è stata rimandata a casa dopo essere stata sottoposta a tutta una  serie di esami atti all'intervento chirurgico: tamponi per escludere l'infezione da covid, digiuno e punture di cortisone in vista dell'anestesia.

Banner

Tutto inizia lunedì scorso con un  day hospital. "Giovedì - racconta la donna -  sono tornata in ospedale per un altro day hospital e mi hanno fatto la cura di cortisone e il tampone molecolare in vista dell'intervento programmato per  venerdì".

Banner

E così, venerdì la giovane mamma di due bimbi piccolini organizza il suo ricovero. Paga una babysitter e al lavoro chiede qualche giorno.

"Alle  7:30  arrivo  in ospedale. Mi hanno ricoverato assegnandomi una stanza e  dopo aver firmato documenti e svolto tutte le varie procedure  hanno cominciato a fare nuovamente le punture di cortisone per la preparazione dell'intervento. Io ero la terza paziente in attesa e  alle 13.30, quando i primi due interventi si erano conclusi, è arrivata  la dottoressa che doveva  operarmi e mi  ha comunicato che in pratica alle 14  l'anestesista andava via e nel pomeriggio non c'erano anestesisti.  Così mi ha fatto rivestire e lasciare la stanza". 

E lei, così ha fatto. E' rientrata a casa senza sapere, tra l'altro, neppure la seconda data per l'intervento. "Rimango in attesa di chiamata", racconta. "E' incommentabile: la gente fa sacrifici per organizzare la degenza in ospedale, senza dimenticare che  si sprecano soldi pubblici per le preparazioni".

Incommentabile già. 

  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner