Catanzaro, operazione “Aesontium”: una donna passa dagli arresti domiciliari al carcere

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, operazione “Aesontium”: una donna passa dagli arresti domiciliari al carcere
Polizia di Stato, foto di archivio
  09 dicembre 2021 14:16

Nel pomeriggio del 6 dicembre scorso, la Squadra Mobile ha eseguito un’ordinanza di sostituzione della misura dagli arresti domiciliari al carcere, emessa dalla Sezione GIP/GUP del Tribunale di Catanzaro, nei confronti di V.P.S, di anni 47, coinvolta nella recente operazione di Polizia denominata “Aesontium”, che lo scorso 12 ottobre aveva portato complessivamente all’arresto di 21 persone.

L’aggravamento scaturisce da un controllo effettuato da personale della Squadra Volante lo scorso 22 novembre presso l’abitazione della donna, al fine di verificare il rispetto da parte di quest’ultima delle prescrizioni connesse alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Banner

All’atto del controllo, all’arrivo dei poliziotti, unitamente alla 47enne, all’interno della casa, era presente un’altra donna che alla vista dei poliziotti, lanciava dal balcone un bicchiere con all’interno eroina ed un bilancino di precisione. In tale contesto, veniva rinvenuto una cospicua somma di denaro, nonché sostanza da “taglio” tipo mannite, utilizzata proprio per ricavare le dosi da destinare allo spaccio. Nella circostanza, entrambe le donne venivano tratte in arresto per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti e poste ai domiciliari. V.P.S., una volta terminate le incombenze di rito, veniva condotta presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria.

Banner

 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner