Catanzaro. Pd, Gianluca Cuda non si dimette da segretario della Federazione, scongiurato il commissariamento

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Pd, Gianluca Cuda non si dimette da segretario della Federazione, scongiurato il commissariamento
Gianluca Cuda
  09 luglio 2021 18:05

di ENZO COSENTINO

Era fermamente deciso a rassegnare le dimissioni da segretario della Federazione provinciale Pd di Catanzaro. L’annuncio sui social, con tanto di motivazioni strettamente personali ma anche con sottili venature politiche “sulle quali- testuali parole dell’interessato- ci sarebbe tanto da dire.”

Banner

Gianluca Cuda alla fine ha ceduto alle sollecitazioni di alte sfere del suo partito a non farlo ed ha rimesso le sue intenzioni nel cassetto.  Scongiurando, cosi, un altro commissariamento i Calabria.

Banner

Se da una parte (fra cui il commissario regionale Stefano Graziano, Eugenio Marino, originario di Crotone, componente la Direzione nazionale del Partito e molto vicino all’ex ministro Provenzano e di recente nominato da Letta, vice responsabile Organizzazione per il Sud e le Isole) a Cuda sono arrivate sollecitazioni ed inviti a restare al proprio posto nella Federazione, alla notizia delle dimissioni si era aperta la caccia al posto di commissario della struttura catanzarese.

Banner

Gianluca Cuda sul suo "passo indietro” ha sintetizzato: “il senso di appartenenza ad un grande Partito e la responsabilità del ruolo che mi è stato affidato hanno prevalso.” Si chiude così un capitolo del “libro delle criticità gestionali del Pd in Calabria”

Al contrario resta sempre aperto uno dei più difficili capitoli da portare a conclusione: quello sulla individuazione di un altro candidato alla presidenza della Regione per le prossime elezioni. E se non lo trova, visto come vanno le situazioni in casa dem, allora potrebbe essere una specie di “sconfitta cercata, forse premeditata”.

E intanto si ingigantisce il sospetto che la vera pista del Pd per risolvere la vicenda calabrese potrebbe essere quella di portare nel centrosinistra l’ex sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Del resto la politica corrente dimostra che l’impossibile può diventare possibile. Come l’accordo con i 5Stelle!

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner