Catanzaro, presentata in comune la rassegna "Le grandi mostre di fotografia dell'umano"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, presentata in comune la rassegna "Le grandi mostre di fotografia dell'umano"
Da sinistra: Monteverdi, Mazza e Fiorita
  16 maggio 2024 14:04

di CARLO MIGNOLLI

È stata presentata questa mattina, presso la Sala Concerti di Palazzo De Nobili la rassegna: "Le grandi mostre di fotografia dell'umano", organizzata dalla Cine Sud di Francesco Mazza con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale e che avrà luogo a Catanzaro dal 17 maggio al 7 luglio 2024 all'interno dello "Spazio Coriolano Paparazzo" in Corso Mazzini 189b.

Banner

All'incontro erano presenti il sindaco Nicola Fiorita, l'assessora alla cultura Donatella Monteverdi e lo stesso Francesco Mazza. Le attività saranno aperte a tutti previa registrazione sull’apposito sito: parliamo di workshop gratuiti, mostre, sessioni pratiche di ritratto, presentazioni di libri e tanto altro, unite all'opportunità di provare attrezzature fotografiche e video dei più importanti brand del settore. La rassegna partirà ufficialmente domani, 17 maggio 2024, alle ore 18:30, con la mostra “Contro la guerra” di Pino Bertelli. Il programma è consultabile a questo link https://www.cinesud.it/pages/festa-della-fotografia-a-catanzaro

Banner

In apertura della conferenza il sindaco Fiorita ha dichiarato: “Ringrazio pubblicamente Franco Manza, poiché questa iniziativa ha una genesi ben precisa. Noi crediamo fortemente che il ruolo dell'amministrazione non sia solo organizzare eventi o sviluppare progetti, ma anche far crescere la comunità e fornire un'opportunità affinché tutte le energie presenti possano sprigionare la loro potenza.

Banner

Questa è una città che talvolta sembra non coinvolgerci, che a volte si ritrae o si esprime meglio attraverso i suoi talenti altrove, fuori da Catanzaro. Seminiamo idee e progetti al di fuori della città, ma spesso ci ostacoliamo nel trasformare questa potenzialità in azioni concrete. Cerchiamo di stimolare la partecipazione e di mobilitare tutte le energie disponibili per realizzare le nostre visioni. In merito a questo evento, ho avuto modo di coinvolgere molte persone, tra cui Franco, chiedendogli se fosse disposto a contribuire alla rinascita del nostro centro storico. Ha detto sì e da subito ha chiesto quando potesse iniziare a collaborare con la comunità. Per questo motivo, desidero ringraziarlo per la sua disponibilità, la sua generosità e il suo amore per la nostra città”.

“È fondamentale dire che non si tratta di un’attività di visibilità, ma di formazione - sostiene Mazza - Ci saranno grandi personaggi come Max Siracusa che sarà qui per parlare del territorio, che dobbiamo, attraverso consigli e suggerimenti, proporre per quello che è”.

“La festa, dall'antichità ai giorni nostri - continua - è sempre stata un momento che segna il passo della comunità, un momento per ricominciare, per consacrare qualcosa, per dare inizio a un nuovo capitolo. Perché chiamare questa la festa della fotografia? Perché è un lavoro pubblico. Quando celebriamo il Capodanno, speriamo che il prossimo anno sia migliore. Questa iniziativa non nasce dal nulla, ma è il frutto di 50 anni di attività, tutte finalizzate a diffondere una cultura che ritengo indispensabile per migliorare la qualità della vita all’interno della nostra comunità”

E sottolinea: “Non si tratta dello spettacolo in sé, non importa se arriva il più grande fotografo del mondo o un vincitore di 10 World Press Awards. Quello che conta è il messaggio che viene trasmesso, il discorso che verrà pronunciato, il coinvolgimento in linea con ciò che è il desiderio di questa serie di eventi finalizzati al futuro.

Infine per l’assessore Monteverdi: "Tutti noi dobbiamo essere profondamente grati a Franco Mozza per aver ripreso un'attività così importante legata alla fotografia, che rappresenta una grande tradizione in questa città. È particolarmente significativo che abbia fatto ciò con uno spirito di generosità che caratterizza Franco e che si riflette nella comunità. Questo è un fatto importante che spero segni il cammino che ho cercato di tracciare in questa amministrazione: che le cose si possono realizzare solo insieme. È solo tramite un rapporto proficuo tra pubblico e privato che possiamo crescere. È ciò su cui ci siamo concentrati dall'inizio di questa legislatura, e questa bellissima esperienza di valorizzazione dell'arte ne è un esempio tangibile. Come ho sempre sostenuto, il ruolo dell'assessore alla cultura non è solo organizzare eventi, ma coinvolgere attivamente la comunità, i privati e le varie associazioni presenti nella città. Spero che possiamo continuare a lavorare insieme e a condividere la bellezza che la cultura porta con sé”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner