Catanzaro, presentato in Comune il Centro di Ascolto "Il Galeone della vita"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, presentato in Comune il Centro di Ascolto "Il Galeone della vita"

  29 giugno 2024 07:09

Nel pomeriggio del 27 giugno 2024, presso la Sala Concerti di palazzo “De Nobili” – Casa Comunale di Catanzaro, ha avuto luogo la cerimonia di presentazione del Centro di Ascolto “Il Galeone della vita”, promosso
dall’Associazione di Volontariato “Padre Pio” del Capoluogo, che dal 2016 è sempre stata vicina alla sofferenza umana, sostenendo la famiglia, i giovani, gli anziani e gli ammalati. Le attività dell’Associazione sono
state sostenute da una rete di persone che ha creduto nella bontà delle iniziative di solidarietà, permettendo azioni concrete di sostegno a coloro che necessitavano e necessitano dI aiuti.

ll Centro di Ascolto “IL GALEONE DELLA VITA” è una struttura di servizio ideata ed offerta, senza finalità di lucro, dalla suddetta Associazione e si prefigge di tutelare la dignità umana, incontrando ed ascoltando le persone che vivono situazioni di disagio personale e familiare, allo scopo di attivare ogni forma di aiuto possibile, con particolare propensione al sostegno e difesa: della vita umana dal momento del concepimento fino al suo termine naturale; della maternità difficile; delle persone con fragilità derivanti da dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo e videogiochi),

Banner

Esso ha quindi la missione di realizzare un ambiente di prima accoglienza ed ascolto per individuare, sulla base degl’indirizzi suggeriti dal team delle figure professionali di riferimento, possibili percorsi di aiuto
concreto ed efficace in base al bisogno emerso. La struttura ha sede nel quartiere Lido della nostra città, in via Niccoloso da Recco n.38/40 e sarà operativa dal prossimo mese di settembre.

Banner

Il Presidente dell’associazione, dott.ssa Maria Teresa MARCHETTI, ha evidenziato che il primo importante compito del CdA sarà quello di ri-partire dalla persona per restituirle dignità; educare il singolo e stimolare la comunità alla corresponsabilità, alla collaborazione ed alla partecipazione; andare alle cause che generano il disagio per denunciarle e rimuoverle; favorire l'azione integrata e partecipata tra Associazioni/Gruppi (il
privato sociale) e Istituzioni sul territorio, nel progettare e nel realizzare interventi, in risposta ai diversi bisogni individuati.

Banner

Nello specifico, “Il Galeone della Vita” avrà come principale obiettivo quello di fornire un concreto aiuto alla vita nascente, alle mamme in difficoltà attraverso il sostegno morale, psicologico, economico e la consulenza medica e legale. Un’indagine sul territorio, effettuata con l’aiuto di altre associazioni e consultori, ha evidenziato che in molti casi la difficoltà economica, induce la donna ad abortire. In queste condizioni, non esiste una reale libertà di scelta e la donna, spesso, si vede costretta ad interrompere la gravidanza.

Si assiste al paradosso che, proprio in nome della libertà, ad una mamma che attende il suo bambino, non si lascia altra scelta che quella di abortire, spingendola in un vicolo cieco che non offre alcuna possibilità
di scoprire la bellezza della maternità e la preziosità della vita del figlio. È in questo contesto che si inserisce “la mano tesa” del Centro di Ascolto.

Purtroppo, è difficile individuare progetti a tutela della maternità e, di conseguenza, l’Associazione non percepisce finanziamenti pubblici. La rete rappresenta l’unico vero strumento per affrontare insieme queste
delicatissime problematiche, ciascuno offrendo il proprio contributo per salvaguardare la dignità umana e proporre, a chi lo chiederà, un luogo che sappia ACCOGLIERE; ASCOLTARE e CONDIVIDERE problemi e
bisogni. Sarebbe bello se la comunità tutta sentisse il bisogno di sostenere ed “adottare” le mamme in difficoltà e di conseguenza i nascituri. Tutti gli individui, i gruppi, le organizzazioni, gli enti ed i servizi pubblici,
saranno invitati ad entrare, a vario titolo, nella rete, impegnandosi ad avviare aiuti concreti di sostegno e, quando necessario, contribuire economicamente per affrontare l'emergenza.

In rappresentanza delle Istituzioni locali, dopo il saluto del Sindaco di Catanzaro, Prof. Nicola FIORITA, hanno preso la parola l’Assessore alle politiche sociali Avv. Giuseppina PINO ed il Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “R. Dulbecco” di Catanzaro, Dott. Domenico PERRI.

Sono poi intervenuti, quali componenti dell’equipe che sosterrà gratuitamente le attività del Centro: il dottore Giuseppe RAIOLA Primario del Reparto di Pediatra dell’Ospedale “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro e Presidente Regionale dell’ UNICEF; la dottoressa Maria Rita NOTARO, che si occuperà prevalentemente delle dipendenze comportamentali; la dottoressa Luisa RASO, che si dedicherà alle problematiche familiari e disagio giovanile; la dottoressa Anna Vittoria VERALDI, che si occuperà di prevenzione nel mondo scolastico

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner