Catanzaro. Santise (I Quartieri): "Il regolamento c'è, ma il Comune si è dimenticato le compostiere"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Santise (I Quartieri): "Il regolamento c'è, ma il Comune si è dimenticato le compostiere"
Benito Santise
  05 marzo 2021 20:41

Abramo licenzi l’assessore Cavallaro che a distanza di  ben 4 anni non ha ancora fatto applicare un Regolamento Comunale regolarmente approvato e deliberato dal Consiglio Comunale. Ci riferiamo al  “REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELL’ALBO COMUNALE COMPOSTATORI” che fu su iniziativa dell’Assessore all’ambiente Giampaolo Mungo portato ed approvato dal Consiglio Comunale nel Novembre 2017. Il principio ispiratore di questo Albo e Regolamento è ben chiaro nell’articolo 1 dello stesso e cioè:

“Art. 1 – Oggetto e finalità del Regolamento - Il presente Regolamento ha il fine di disciplinare la pratica del compostaggio domestico e la relativa riduzione della tassa sui rifiuti (di seguito TARI) per le utenze domestiche presenti sul territorio comunale che si attiveranno nella corretta pratica del compostaggio domestico. Le utenze domestiche che effettuano il compostaggio della frazione organica dei rifiuti contribuiscono infatti a ridurre la quantità di rifiuti prodotti e conferiti al servizio pubblico di Igiene Urbana e possono quindi aver diritto ad una riduzione della TARI, nei modi previsti dal Regolamenti della tassa sui rifiuti”.

Banner

Prenda atto il Sindaco Abramo che l’Assessore Cavallaro anche con la mancata attuazione di un Deliberato del Consiglio comunale ha  totalmente fallito la sua mission amministrativa e sarebbe ora che lo stesso venga dimissionato. Infatti non solo non si è potuto procedere all’abbattimento del costo della tassa sui rifiuti per i cittadini, ma con questa mancata attuazione del “REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELL’ALBO COMUNALE COMPOSTATORI”  vi è statala  mancata distribuzione delle compostiere, che di fatto non ha abbassato il costo annuo del  conferimento della “frazione umido” in discarica . Tutto ciò è un danno per l’amministrazione e per la cittadinanza Abramo ne tragga le dovute conseguenze.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner