Catanzaro, successo per la seconda edizione di “Pontegrande in maschera”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, successo per la seconda edizione di “Pontegrande in maschera”

  17 febbraio 2024 18:53

Ogni persona merita di tornare bambino, una volta all’anno, e volare tra coriandoli sparsi nell’aria, lasciandosi stupire da un cielo di mille colori. Questo è lo spirito che ha caratterizzato l’organizzazione di “Pontegrande in maschera”, perché il Carnevale nasce nello sguardo di una maschera, cresce nell’espressione di un volto e vive negli occhi di un bambino. L’ultima edizione della manifestazione carnevalesca è datata 22 Febbraio 2020 e nessuno dei partecipanti avrebbe mai pensato che, da lì a due settimane, la vita comunitaria potesse essere interrotta a causa di una pandemia mondiale.

Banner

Dopo quattro anni tra restrizioni e regolamenti da rispettare, la presidente dell’Associazione Socio Ricreativa “Amica”, Luisa Corticelli, propone l’idea di organizzare la seconda edizione dell’evento più colorato e divertente dell’anno. Pertanto ci si affida alla collaborazione tecnica di Salvatore Mellace e Vitaliano Costa, oltre a quella artistica di Silvia Castellano, Paola Candeloro e Luigi Gigliotti, mentre preziosa è stata la collaborazione delle socie dell’associazione, Francesca Nicoletta e Marisa Carè, e della volontaria dell’associazione, Alessia Colosimo. Infine le dimensioni della sala grande dei locali dell’ex circoscrizione del Quartiere di Pontegrande, siti nella zona nord di Catanzaro, e l’obbligo di rispettare le norme in materia di anti-affolamento, specie in presenza di bambini, non permette di organizzare una festa aperta a tutti. Da qui l’idea di coinvolgere nell’organizzazione il neo parroco della Parrocchia “Maria Immacolata” di Pontegrande, don Andrea Gasparro, subentrato a don Carlo Davoli il 15 Ottobre 2023, dopo dieci anni di ministero pastorale. Con grande entusiasmo don Andrea ha accolto l’invito della sig.ra Luisa Corticelli e ha coinvolto immediatamente le catechiste della Parrocchia al fine di raccogliere le adesioni tra i bambini che frequentano i corsi di catechism.

Banner

Banner

Il 13 Febbraio 2024 è stata una data che è rimasta impressa negli occhi e nel cuore di tutti coloro che hanno partecipato, sia bambini sia adulti, ove nulla è stato lasciato al caso e tutto è stato organizzato con la massima accortezza. Il bilancio della festa racconta di 52 bambini presenti alla manifestazione, tra nipoti dei soci dell’associazione e gli studenti dei corsi di catechismo. L’animazione della serata è stata affidata all’Associazione Wonderland Catanzaro Eventi della presidente Anna Altomare, presente con quattro animatrici che hanno fatto divertire i presenti tra giochi, baby dance, attività di trucca bimbi, mini sculture realizzate con i palloncini e degustazione di zucchero filato. Nella parte centrale della manifestazione spazio alla merenda e al ristoro di tutti i piccoli ospiti con la distribuzione di un sacchetto colorato con pizzella, panino e succo di frutta, oltre ai gadget rappresentati da uno zainetto da colorare e un piccolo portachiavi a forma di faccine whatsapp. Momento clou dell’evento è stato l’arrivo delle mascotte di Bing e di Barbie che hanno mandato in visibilio tutti i bambini presenti. Per gli adulti è stato allestito un variegato angolo degustazione dolci realizzato dalla presidente e dalle socie dell’associazione, oltre da alcune catechiste.

Pontegrande in maschera 2024 ha vissuto anche la premiazione della mascherina più bella, con tanto di targa ricordo, attraverso la sfilata di tutte le mascherine presenti di fronte la giuria rappresentata dalla presidente Corticelli, un membro del direttivo dell’associazione, dal parroco don Andrea Gasparro e dal Vice Sindaco della Città di Catanzaro, Giuseppina Iemma, graditissima ospite dell’evento insieme al sacerdote.

“Nessuno consegue risultati senza la fattiva collaborazione di altre persone, né vi sono individui che hanno successo se non si aiutano vicendevolmente”, ha dichiarato il parroco don Andrea, aggiungendo che nessuna persona è un’isola completa in se stessa, ma piuttosto una parte del tutto che con il supporto e il sostegno dell’altro può realizzare cose straordinarie. A fare eco alle parole del reverendo ci ha pensato la Dr.ssa Giuseppina Iemma che ha dichiarato quanto “è importante sconfiggere il pregiudizio gli uni verso gli altri affinchè si possa fare un passo in avanti verso la cittadinanza attiva. Trovare il coraggio di lasciare andare ciò che eri per diventare chi sarai perché, attraverso l’unione e la cooperazione di tutti a beneficio di ciascuno, si potranno godere e far godere serate come quella che è stata organizzata, creando momenti di convivialità per le famiglie”. 

L’ultimo intervento è stato quello della sig.ra Corticelli che ha sottolineato l’importanza della presenza del Terzo Settore, rappresentato dalle associazioni di volontariato, cooperative sociali ed enti religiosi civilmente riconosciuti, ove il lavoro di squadra e la cooperazione tra Parrocchia, abitanti del quartiere e soci e volontari dell’associazione possono produrre molti benefici in termini di miglioramento della qualità di vita della comunità. Infine ha voluto ringraziare di cuore don Andrea per la preziosa collaborazione, consegnando una targa ricordo, e il Vice Sindaco Iemma per l’attenzione e il lavoro costante che svolge sul territorio.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner