Catanzaro. Supercinema al completo per "L'ultimo appuntamento", spettacolo contro la violenza sulle donne

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Supercinema al completo per "L'ultimo appuntamento", spettacolo contro la violenza sulle donne

É andato in scena il 2 dicembre lo spettacolo "L'ultimo appuntamento", con la regia di Romina Mazza, al Nuovo Supercinema di Catanzaro, registrando un tutto esaurito.

  03 dicembre 2021 00:31

Di Domenico Rotella

Grande successo al Nuovo Supercinema di Catanzaro con "L'ultimo appuntamento", spettacolo teatrale incentrato sull'eliminazione della violenza sulle donne. Teatro al completo per l'opera firmata da Romina Mazza e prodotta da la Compagnia di Irene, alla loro prima comparsa sul palcoscenico sotto questo nome.

Banner

Banner

Un evento molto importante e necessario, che riesce a sensibilizzare su un argomento, purtroppo, molto attuale e che è una vera e propria piaga sociale, e ci riesce in maniere molto intelligente, dosando bene momenti di ironia e altri con toni molto più serie che spingevano a riflette, presentando storie vere ed anche recenti di femminicidi.

Banner

Un cast tutto al femminile, dotato di una recitazione pressoché impeccabile, composto da Azzurra Conforto, Daria Mirante Marini, Ilenia Pia Ciambrone, Mariarita Galati, Roberta Paparazzo, Stefania Rotundo e Vanessa Curto, che hanno saputo emozionare ed interpretare al meglio i vari personaggi che animano l'opera. Un compito parecchio difficile, perché sono tutte storie molto forti, a tratti crude e spietate, e suscitano ancora più emozione il fatto che siano tutte storie vere, realmente accadute a donne a cui è stata strappata la libertà di vivere.

Un evento che ha commosso, fatto riflettere, divertito il pubblico per tutta la sua durata e oltre. Necessario, perché non se ne parla mai abbastanza di questo argomento, con un compito molto importante, quello di sensibilizzare, mettere nero su bianco cosa vuol dire violenza di genere e femminicidio, far capire quanto sia importante prevenire, educare al rispetto e all'uguaglianza affinché un giorno tutto ciò non possa più accadere. E lo fa in maniera magistrale, colpendo in pieno lo spettatore che esce dalla sala più cosciente di prima.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner