Catanzaro, torna il Festival degli Aquiloni: appuntamento a Giovino per il 6 e 7 luglio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, torna il Festival degli Aquiloni: appuntamento a Giovino per il 6 e 7 luglio
Fiorita e Belcaro
  01 luglio 2024 14:22

di CARLO MIGNOLLI

Immaginate un cielo terso e limpido, dove centinaia di aquiloni danzano al ritmo del vento, colorando l'azzurro con forme e tinte sgargianti. È in questo scenario magico che prende vita il Festival degli Aquiloni 2024 che torna a Catanzaro dopo il grande successo della passata stagione. 

Banner

Si preannunciano due giornate all’insegna del divertimento nella spiaggia di Giovino, tra il Lido Valentino e la zona pre dune, per godere di ampio spazio dove far volare i tanti aquiloni previsti. Per i bambini sarà possibile partecipare a dei laboratori, dalle 9:30 alle 12:30 e nel pomeriggio dalle 15:30 alle 18:30.

Banner

Guiderà l’evento Filippo Gallina, coordinatore di uno dei festival di aquiloni più importanti al mondo, invitato ovunque, dalla Cina alla Francia. Gallina organizza a Jesolo il più importante festival degli aquiloni in Italia, in termini di numeri e Catanzaro comincia ad avere la sua rete di appassionati. 

Banner

Durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento, presso la Biblioteca De Nobili di Catanzaro, il sindaco Nicola Fiorita dichiara: “È un'iniziativa nata con questa amministrazione. L'impegno non è soltanto quello di far nascere delle cose, ma di dare loro continuità, di farle crescere e questo vale per tutto. Siamo molto contenti di avere la seconda edizione, perché sarà più grande, più forte e più di successo”.

E aggiunge: “Inizia un luglio scoppiettante per il quartiere marinaro: domani ci sarà questa importante regata, poi ci sarà il Festival degli Aquiloni, l'illuminazione di un tratto del lungomare e festeggeremo anche la Bandiera Blu. Contiamo di estendere il lungomare, ovvero di asfaltare la zona di Giovino e stanno per essere ultimati i lavori attesi da anni del fosso Barbaruzza, intervento molto importante e tanto atteso dal quartiere”.

Presente anche l’assessore allo sport Nunzio Belcaro che afferma: “Quest'anno abbiamo deciso di caratterizzare il festival come possibile esordio delle attività estive della nostra amministrazione, e tra le novità spicca il coinvolgimento di Catanzaro anche nella regata della Marina Militare. Questa combinazione, insieme alla regata, segna l'inizio delle attività estive della nostra amministrazione. Pensiamo che gli aquiloni, con il loro fascino e la curiosità che generano, possano mettere tutti d'accordo. Ho capito in questi giorni che è difficile non rimanere incantati dalla loro magia”.

In merito alle novità di questa edizione aggiunge: “Le squadre di aquilonisti sono raddoppiate rispetto all'anno scorso, a testimonianza del successo dell'evento. Ci saranno anche quest'anno le gare di volo acrobatico, con esperti internazionali che si esibiranno in evoluzioni spettacolari. Il cielo sarà tappezzato da alcuni degli aquiloni più grandi esistenti a livello internazionale, offrendo uno spettacolo unico. Altra novità di quest'anno è l'introduzione dei "Giardini del Vento": aquiloni statici che utilizzano la forza del vento per gonfiarsi a terra senza volare, creando coreografie particolari. Infine i laboratori per i bambini saranno un elemento trainante del festival. I più piccoli potranno costruire i loro aquiloni e provarli in volo. Il festival è pensato per unire grandi e piccini, rendendo i bambini i veri protagonisti, insieme alle loro famiglie”.

“L'obiettivo - conclude - è che questo evento non sia solo un esperimento, ma diventi una tradizione annuale, trasformando Catanzaro in una tappa fissa per gli appassionati di aquiloni. Questo potrebbe attirare visitatori dalla provincia e dalla regione, e diventare un elemento di marketing molto forte per la città. Catanzaro, città del vento, ha infatti la caratteristica di avere venti favorevoli anche in piena estate, il che rappresenta una sfida, dato che solitamente questi festival si tengono in primavera o in autunno”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner