Catanzaro Vivace sulla candidatura come città europea dello Sport: "La commissione non vedrà tutte le strutture"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro Vivace sulla candidatura come città europea dello Sport: "La commissione non vedrà tutte le strutture"

  10 settembre 2021 17:59

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Catanzaro Vivace.

"Catanzaro candidata Città Europea dello sport! Questo fine settimana sarà presente in città la commissione che dovrà decidere se Catanzaro potrà partecipare o meno a questo concorso. Tutto bellissimo se non che la Commissione visiterà (evidentemente su consiglio interessato degli amministratori della Città) solo il Palagiovino (di proprietà provinciale), la pineta di Giovino, il parco Gaslini. L’amministrazione comunale, si guarda bene dal far visitare le strutture comunali che abbiamo in Città tipo il Palacorvo e il PalaGreco (chiuso da anni). O, ancora, i campetti del quartiere Pistoia o altri impianti sportivi comunali evidentemente “da nascondere” a occhi “giudicanti”. Sappiamo bene che mostrare alla commissione strutture che giovano alla causa è un modo per nascondere sotto il tappeto i problemi che ci sono ma se veramente si vuole dare lustro alla Città di Catanzaro si dovrebbe prima mettere mano agli impianti sportivi catanzaresi che sono in condizioni a dir poco imbarazzanti e poi, candidarsi a iniziative. Catanzaro Citta dello Sport … a sprazzi.

Banner

Catanzaro città dello sport grazie a Enti che non sono di proprietà dell’Amministrazione Comunale. Insomma, non serve solo avere come sponsor parlamentari interessati e ambivalenti. Senatori che della Città conoscono poco o niente.  Per partecipare a questi concorsi bisognerebbe prima comprendere la Città che diventerà città dello sport solo quando sarà capace di garantire fruizione diffusa degli impianti sportivi e coinvolgimento massiccio e non selettivo degli attori dello sport cittadino. Fino a quando ci sarà selezione e discriminazione, la città dello sport resterà un feticcio di plastica ad uso e consumo di senatrici e sindaci che in comune con lo sport hanno solo il movimento delle… bandiere!".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner