Centri estivi a Girifalco, Forza Italia interroga il sindaco: "Fondi usati in modo superficiale"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Centri estivi a Girifalco, Forza Italia interroga il sindaco: "Fondi usati in modo superficiale"
Scicchitano e Ferraina
  07 novembre 2022 16:34

di MASSIMO PINNA

Un uso dei fondi pubblici usati in modo alquanto superficiale, per essere buoni.

Banner

E' il succo di una tecnica, dettagliata, precisa, interrogazione in merito all’attivazione centri estivi 2022 con funzione educativa e ricreativa per favorire il benessere dei minorenni e per il contrasto alla povertà educativa, in attuazione dell’art. 39 del Decreto Legge 21 giugno 2022 n. 73.”, presentata dai consiglieri del gruppo di Forza Italia, Carolina Scicchitano ed Elisabetta Ferraina.

Banner

Istanza presentata alla giunta del sindaco Pietrantonio Cristofaro e all'assessore al ramo, Elisabetta Sestito.

Banner

Fondi che, indirizzati in un primo tempo secondo i dettami impartita da atti di indirizzo della stessa amministrazione e che ora vengono invece destinati a feste in villette comunali per i giorni del 3-20 e 27 novembre.

Forza Italia, a proposito, invita la giunta se "non si ritiene di rivedere le indicazioni impartite all’Area Amministrativa sulla modalità e finalità dei fondi di cui all’art. 39 del Decreto Legge 21 giugno 2022 n. 73 che rischiano di essere dissipati in “festicciole” prive di qualsiasi funzione e ricaduta educativa e culturale".

Ecco il testo dell'interrogazione.

"Premesso che l’art. 39 del Decreto Legge 21 giugno 2022 n. 73 avente ad oggetto : “Misure per favorire il benessere dei minorenni e per il contrasto alla povertà educativa” fa espressamente riferimento al fondo destinato al finanziamento di iniziative dei comuni da attuare nel periodo 1° giugno - 31 dicembre 2022, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, di promozione e di potenziamento di attività, incluse quelle rivolte a contrastare e favorire il recupero rispetto alle criticità emerse per l'impatto dello stress pandemico sul benessere psico-fisico e sui percorsi di sviluppo e crescita dei minori, nonché quelle finalizzate alla promozione, tra i bambini e le bambine, dello studio delle materie STEM, da svolgere presso i centri estivi, i servizi socio educativi territoriali e i centri con funzione educativa e ricreativa per i minori;

con Delibera di Giunta comunale n. 195 del 11.10.2022 si procedeva a dare atto di indirizzo, in realtà un indirizzo molto generico, al Responsabile dell’Area Amministrativa al fine di provvedere ad utilizzare i contributi ricevuti per l’organizzazione e gestione dei centri estivi nel Comune di Girifalco a favore dei minori di età di 3/17 anni;

con Delibera di Giunta comunale n. 201 del 21.10.2022 si procedeva ad integrare la delibera sopra riportata prevedendo l’organizzazione nelle date del 13-20-27 novembre 2022 di giornate di aggregazione sociale da realizzarsi presso le villette comunali confermando la destinazione della somma di € 4.916,46 alla realizzazione di attività rivolte ai minori ed impartendo ulteriore atto di indirizzo affinché l’Area Amministrativa provveda all’acquisto di giochi ad uso pubblico da installare nelle villette comunali sedi di tali iniziative e all’affidamento del servizio di ristorazione da prevedere per le singole giornate di aggregazione;

Dato atto che nelle delibere sopra riportate si evidenzia quanto segue: il Decreto del finanziamento risale al 5 agosto 2022; ? l’Amministrazione comunale intende sostenere le famiglie anche mediante opportunità rivolte al benessere dei figli, promuovendo il potenziamento di attività socio-ricreative e offrendo ai minori un luogo di educazione e socializzazione anche per prevenire situazioni di emarginazione e di disagio sociale; ? con Deliberazione di Giunta n. 182 del 23.09.2022 si è proceduto alla variazione urgente del bilancio di previsione annualità 2022 al fine di incassare le risorse assegnate dallo Stato;
Per quanto precede, con la presente le sottoscritte interrogano l’Assessore con delega anche alle politiche giovanili e per la famiglia, al fine di sapere:

se non sarebbe stato il caso di dedicare energie e tempo a studiare delle iniziative e progetti coinvolgendo soggetti operanti in ambito extrascolastico, educativo, ludico, ricreativo, sportivo e culturale, quali Associazioni di volontariato e di promozione sociale cooperative, polisportive, Onlus al fine di porre in essere attività con vera valenza educativo-ricreativa per i minori del nostro territorio;

se non sarebbe stato opportuno garantire un maggior sostegno alle famiglie incrementando l’offerta di opportunità educative rivolte ai minori dal momento che il Decreto in questione promuove lo studio delle materie STEM (Science- Technology- Engineering -Mathematics);

se alla luce di quanto previsto dall’art. 39 del Decreto Legge 21 giugno 2022 n. 73, non sembra troppo riduttivo e fuori luogo, nonostante i nobili propositi riportati dalla Giunta comunale, indirizzare sostanzialmente un tale contributo dal valore educativo e sociale importante a delle giornate (3) “offrendo” ai minori pizzette e qualche bevanda all’aria aperta;

se non è evidente che l’atto deliberativo in cui la Giunta (organo esecutivo) impartisce indicazioni precise al Responsabile dell’Area Amministrativa nella gestione delle risorse ricevute, risulti privo di qualsiasi programmazione, idea e/o interesse per la tematica considerando soprattutto che l’Assessore con delega alle politiche giovanili e per la famiglia non si preoccupa nemmeno di essere presente alla seduta del 21.10.2022, seduta nella quale la Giunta decide sostanzialmente come “investire” il finanziamento ricevuto ;

come mai, dal momento che i loghi delle Associazioni locali compaiono ampiamente in ogni iniziativa comunale, in questo caso invece, è stato considerato inutile il coinvolgimento di tutte quelle realtà, dal volontariato alla Parrocchia, che avrebbero dovuto e potuto promuovere attività formative da realizzarsi per i minori Girifalcesi; se l’invito declinato da parte della Pro Loco di Girifalco, realtà associativa oramai consolidata del nostro territorio, a collaborare per l’organizzazione delle tre giornate volute da questa Amministrazione non sia un ulteriore prova e conferma del cattivo e superficiale utilizzo di questi fondi.

Per quanto precede, con la presente le sottoscritte interrogano l’Assessore alle politiche giovanili e per la famiglia al fine di sapere:

Se, alla luce di quanto sopra emerso, non si ritiene di rivedere le indicazioni impartite all’Area Amministrativa sulla modalità e finalità dei fondi di cui all’art. 39 del Decreto Legge 21 giugno 2022 n. 73 che rischiano di essere dissipati in “festicciole” prive di qualsiasi funzione e ricaduta educativa e culturale".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner