Cinema & Dintorni. Attanasio (Cineteca) su "Nuove prospettive per l’audiovisivo in Calabria"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Cinema & Dintorni. Attanasio (Cineteca) su "Nuove prospettive per l’audiovisivo in Calabria"
Eugenio Attanasio
  23 aprile 2021 10:26

di EUGENIO ATTANASIO*

In tempi di crisi economica senza precedenti come quelli attuali, paragonabili ad un nuovo  dopoguerra, apprendiamo dalla stampa la notizia della delibera della giunta regionale relativa alla realizzazione degli “Studios” a Lamezia Terme", destinati alla produzione cinematografica e televisiva. Nell’area ex Sir, metafora dell’industrializzazione mancata, è stato individuato lo spazio in cui sorgeranno le strutture, non più pontili per il petrolchimico, ma teatri di posa, di registrazione, di montaggio. Dopo decenni  ci si distacca da modelli di sviluppo ormai desueti e incoerenti con la vocazione del territorio per abbracciare l’industria dell’audiovisivo, smentendo qualcuno che sosteneva come con la cultura non si mangiasse.

Banner

Non è la prima volta che  si parla in Regione Calabria di questa volontà di creare a Lamezia Terme una “cittadella del cinema”, ma questa volta concretamente, e più in direzione, forse, della produzione televisiva. Da cronisti e notai della storia del cinema, non si può che attestare come effettivamente vi sia un  orientamento preciso in tale senso a livello globale, dominato dalle piattaforme, dai canali, dalla distribuzione on demand. Questo secondo anno di Covid sembra avere dato il colpo ferale al mondo del cinema, inteso in modo classico, come prodotto che va in sala, viene presentato ai Festival, si fruisce al buio e insieme a tante persone; le restrizioni ci costringono a fare gli abbonamenti e seguire le serie tv, sempre più belle, sofisticate, accattivanti, girate con la stessa tecnica delle grandi produzioni cinematografiche. Da una Regione che mirava a ospitare le produzioni cinematografiche, si passa a una Regione che vuole produrre in  proprio creando delle strutture che possono dare lavoro a maestranze, attori, tecnici, ponendo le basi per un’industria dell’audiovisivo.

Banner

Il cinema, fin dall’origine ha vissuto grandi trasformazioni tecniche che comunque ne hanno sempre rinnovato il successo, se pensiamo all’avvento del sonoro, del colore, del digitale che avrebbe dovuto contrastare la pirateria e che invece ne ha sancito il successo. Ora la televisione, tradizionalmente grande rivale, diventa il principale mercato di riferimento della produzione, cinematografica, documentaria,  di fiction  e di serie, che vengono girate dai più grandi registi con gli attori più famosi. Cambiamenti già intuiti da Mario Gallo, produttore di Luchino Visconti, ma anche attento studioso dei sistemi di comunicazione, per come già li descrive tempo addietro sul saggio  Cinema e dintorni. Questo mutamento di strategia della politica culturale regionale ha un nome e cognome, per la presenza di un uomo di prestigio del settore come  Giovanni Minoli, attuale Commissario Straordinario della Calabria Film Commission, la cui figura viene associata però solo ai progetti seriali di successo come Agrodolce e Un posto al sole, dimenticandosi invece delle produzioni radiofoniche e dei programmi  televisivi di grande qualità che ha condotto e ancora conduce. Giornalista e autore televisivo che ha lasciato in Rai tracce significative del suo lavoro come Mixer, La storia siamo noi, Rai educational.

Banner

Un tempo la televisione di Stato sosteneva i progetti dei grandi autori del cinema, con finalità educative, didattiche, culturali precise , se pensiamo a De seta, Olmi, ai fratelli Taviani, con opere che vincevano la Palma d’oro a Cannes, con produzioni come “Il diario di un maestro” che noi come Cineteca della Calabria proponiamo ancora oggi ai ragazzi delle scuole. C’è nostalgia di quella televisione formativa, che ci faceva conoscere i grandi classici della letteratura, avvicinava la gente al teatro proponendo gli adattamenti televisivi, realizzati da registi di grande professionalità e interpretati da attori sempre straordinari, di formazione prettamente teatrale.

Quel mondo di ieri oggi non esiste più, se non nella nostra memoria, ma, in un’epoca buia come questa,  questa proposta che viene dal profondo e bistrattato Sud, dipinto sempre a tinte fosche  come un luogo melmoso e paludoso, ha il sapore del sasso buttato nello stagno. Sarà vera gloria ? Gli uomini e gli  anni ci diran chi siamo….

*Presidente della Cineteca della Calabria

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner