Codacons: "L'Istat certifica lo tsunami del caro-prezzi”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Codacons: "L'Istat certifica lo tsunami del caro-prezzi”
Carlo Rienzi
  07 maggio 2024 11:29

"I dati Istat sulle condizioni di vita ed il reddito delle famiglie "certificano in modo inequivocabile lo tsunami provocato negli ultimi anni dal caro-prezzi sulle tasche degli italiani".  Lo afferma il Codacons, che evidenzia, inoltre, come in termini reali il reddito medio sia crollato rispetto al 2007 e siano aumentate le disuguaglianze.  

"Nel 2022 il reddito medio delle famiglie è salito del 6,5% ma, per effetto del fortissimo aumento dei prezzi al dettaglio, ha registrato un calo in termini reali del -2,1% - spiega il presidente Carlo Rienzi - questo significa che i cittadini hanno subito un progressivo impoverimento che è ancor più evidente se si confrontano i dati con quelli del 2007: in 15 anni in termini reali la contrazione complessiva dei redditi familiari è stata pari in media al -7,2% con punte del -10,8% nel Centro e del -10,2% nel Mezzogiorno". 

Banner

"Numeri che, purtroppo, ancora una volta confermano gli allarmi lanciati a più riprese dal Codacons circa gli effetti del caro-prezzi sulle tasche degli italiani e sull'economia nazionale, allarmi rimasti purtroppo inascoltati e che non hanno portato a misure concrete da parte del governo per contenere i listini, con effetti negativi diretti sui redditi delle famiglie", conclude Rienzi.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner