Complesso alberghiero di località Savelli, Callipo: " Attacchi Codacons strumentali"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Complesso alberghiero di località Savelli, Callipo: " Attacchi Codacons strumentali"
Gianluca Callipo
  31 luglio 2019 18:20

"Complesso alberghiero di località Savelli, se l’ufficio tecnico comunale (e non di certo il sindaco) ha rilasciato il permesso a costruire è perché vi erano e vi sono tutte le condizioni per farlo. A partire dalle autorizzazioni della Soprintendenza, della Regione Calabria, dell’ex Genio civile, della Provincia e del Demanio. Era il 2012 quando è stato avviato l’iter amministrativo; il 2016 quando l’ottenimento di tutte le autorizzazioni ha consentito, nel 2017, l’avvio dei lavori. Oggi, ad interventi quasi ultimati, risulta tutto in regola.  Il Codacons si rivolga pure alla Procura della Repubblica, la verifica non potrà che dimostrare la posizione, assolutamente nel giusto, del Comune e degli altri enti che hanno concesso le autorizzazioni come la norma prevedeva". 

È quanto dichiara il primo cittadino Gianluca Callipo etichettando come  strumentale l’osservazione del Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori. La realizzazione dell’opera è stata sostenuta da finanziamenti dello Stato. E nello specifico dal Ministero dello Sviluppo economico nell’ambito dei Contratti di Sviluppo.

Banner

"Il Codacons – aggiunge il sindaco -  non entra nel merito delle irregolarità. Non dice quali sarebbero.   Da sindaco esprimo, invece, soddisfazione per il fatto che grazie ad investimenti come quello della realizzazione di una struttura alberghiera – continua Callipo -  che, ripetiamo, ha tutte le carte in regola, si riqualificano aree come questa di Località Savelli, prima abbandonata e in stato di degrado, attraverso interventi di rigenerazione urbana. Offrirà posti di lavoro ed accrescerà l’indotto economico turistico alla comunità di Pizzo. Non c’è che esprimere soddisfazione – sottolinea l’assessore all’urbanistica Pasquale Marino – per il fatto che il  Comune di  Pizzo in questi anni ha visto aumentare il numero  degli  investimenti privati, segno evidente della centralità del territorio nel contesto regionale, per le bellezze paesaggistiche, culturali e storiche. Investimenti che non possono non tenere conto anche dell’impegno delle istituzioni nel creare le condizioni di sviluppo in un quadro di assoluto rispetto della legalità".      Il sindaco coglie, infine, l’occasione per informare che l’Amministrazione Comunale ha ottenuto nei mesi scorsi 200 mila euro da destinare alla realizzazione del Lungomare in Località Savelli. "Fondi – sottolinea – che contribuiranno ad incrementare il processo di riqualificazione complessiva  dell’area". 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner