Comunali, parla Tallini: "Donato e Fiorita lontani da nostra cultura politica. Nessuna indicazione di voto"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Comunali, parla Tallini: "Donato e Fiorita lontani da nostra cultura politica. Nessuna indicazione di voto"
Domenico Tallini
  17 giugno 2022 08:20

"Con circa il 14% raggiunto il 12 giugno e i 4 seggi conquistati in Consiglio Comunale il Polo moderato a sostegno di Antonello Talerico ha rappresentato la vera novità di queste elezioni a Catanzaro. E’ un grande messaggio che viene mandato al livello nazionale, dimostrando nei fatti che senza una forte componente moderata il centrodestra sistematicamente perde". Lo scrive in una nota Domenico Tallini,  responsabile Regionale Enti Locali di "Noi con l'Italia".

"Affidandosi ai candidati espressione diretta o indiretta della Lega, come avvenuto a Catanzaro, il centrodestra perde il consenso dell’elettorato moderato. Era già accaduto a Reggio Calabria, è accaduto anche nella nostra Città. Se si aggiunge la circostanza che il candidato indicato dalla Lega proviene da una lunga e consolidata tradizione di sinistra, si avrà il quadro della confusione generata da scelte miopi e perdenti. Tutto ciò trova la sua naturale sintesi nel crollo del consenso che il candidato voluto dalla Lega e da Forza Italia ha registrato rispetto alle sue liste. Non sarebbe avvenuto se il centrodestra avesse indicato responsabilmente una candidatura identitaria e nello stesso tempo aperta alla società civile. In vista del ballottaggio del 26 giugno, la lista di Noi Con l’Italia, che ha sostenuto la candidatura a sindaco di Antonello Talerico, ritiene di non dovere esprimere alcuna indicazione di voto, lasciando liberi i propri elettori di valutare quanto è accaduto ed esprimere in piena coscienza la loro preferenza. Donato e Fiorita sono entrambi lontani dalla nostra cultura politica e ciò ci impedisce di fornire un’indicazione netta al nostro elettorato che saprà nelle urne compiere la scelta più giusta. Noi sappiamo solo che il centrodestra, che a Catanzaro si è mascherato dietro le liste civiche, non ha futuro, avendo perso credibilità e sprecato l’occasione di vincere al primo turno con una proposta limpida e riconoscibile. L’area moderata nei prossimi mesi allargherà ancora di più i propri spazi e i propri consensi, ponendosi in Consiglio comunale in una posizione responsabile e costruttiva, chiunque sia il vincitore del ballottaggio. Se il centrodestra vuole ripartire, dopo le macerie lasciate dall’attuale classe dirigente, dovrà necessariamente farlo con noi", conclude Tallini-
 
 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner