Comunali, Polimeni (FI): "Mantenere alto il livello del confronto. Prevalgano i temi sugli insulti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Comunali, Polimeni (FI): "Mantenere alto il livello del confronto. Prevalgano i temi sugli insulti"
Marco Polimeni, presidente del Consiglio comunale di Catanzaro

Il coordinatore cittadino di Forza Italia, contattato da La Nuova Calabria, dopo la giornata 'sopra le righe' di oggi, contrassegnata dall'appoggio a Donato e dalle reazioni dello schieramento opposto

  01 aprile 2022 20:53

di GABRIELE RUBINO

La formale adesione di Forza Italia e Lega alla proposta di Valerio Donato, la raffica di reazioni avverse proveniente dalla fazione opposta di Nicola Fiorita sorretta da Pd e M5S, repliche e contro-repliche e tantissimo rumore sui social. Con l'assestamento degli schieramenti, oggi a Catanzaro è stata la prima vera giornata di campagna elettorale in vista delle Comunali del prossimo 12 giugno. Contattato da La Nuova Calabria, il neo coordinatore cittadino di Forza Italia Marco Polimeni ha affermato: "Ritengo che i toni con cui la coalizione targata Pd-5stelle ha deciso di iniziare la campagna elettorale non siano qualificanti per una compagine che si candida a guidare il capoluogo in un momento tanto delicato".

Banner

Il clima da derby fra le coalizioni di Donato e di Fiorita era già percepibile, adesso sembra una sorta di faida. Per il coordinatore cittadino di FI ci si sarebbe dovuto invece concentrare su altro: "Mi sarei aspettato una partenza “col botto”: proposte su come spendere i soldi del PNRR; riflessioni sulle questioni sanitarie al cospetto di una cittadinanza ancora attanagliata dal Covid; discussioni sulle politiche del lavoro, mentre tante città del Paese sono piegate dalle conseguenze economiche post-pandemiche e di una guerra che si sta combattendo non lontano dalle nostre abitazioni. Dispiace, invece, che, da subito, si siano scelti i cori da stadio con toni denigratori, i meme sulle chat, i messaggi offensivi ad opera di profili fake sui social network".

Banner

La proposta di Donato, al netto delle polemiche, riceve sempre più adesioni ed è innegabilmente eterogenea se si guarda con gli occhi tradizionali della politica schierata. Per Polimeni è così riassumibile: "Alcuni partiti, molte associazioni e gruppi di semplici cittadini hanno inteso rispondere all’appello del professore Donato: un progetto civico e che assume ancora maggiore forza proprio perché, considerato il momento di straordinarietà che stiamo attraversando, richiama tutti all’assunzione di responsabilità, a prescindere dai recinti e dai confini ideali. Non mi sembra che tutto questo sia così lontano da quanto succede nel governo nazionale". 

Banner

Certo, la notizia del giorno resta l'ufficializzazione dell'appoggio a Donato di Forza Italia e della Lega. Uno schema in piedi da qualche settimana e che rischia di scompaginare la sfida elettorale. E proprio da coordinatore cittadino di FI precisa: "Non comprendo, infatti, perché si voglia a tutti costi strumentalizzare l’adesione di alcuni soggetti del centrodestra a un progetto di stampo civico. Non lo comprendo soprattutto perché dalla coalizione del Partito Democratico le chiamate, gli sms e le proposte a pezzi del centrodestra, o della attuale maggioranza comunale, sono arrivate con grande frequenza e intensità. In quel caso l’adesione al loro progetto sarebbe andata bene? Sarebbe stata naturale? Non posso e non voglio credere che questa sia l’argomentazione più forte - se non l’unica - che una fetta importante della politica catanzarese riesca a mettere in campo". 

Se i toni saranno quelli utilizzati oggi, si rischia una campagna elettorale piena di veleni e colpi bassi. Per questo Polimeni rivolge un invito: "Spero vivamente - e mi rivolgo a tutti i candidati a Sindaco - che si possa mantenere alto il livello del confronto: proviamo a far prevalere i temi e non gli insulti. Lo dobbiamo a Catanzaro. Lo dobbiamo ai catanzaresi".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner