Concorso centri per l'impiego, oltre 40 mila domande per 568 posti: ad agosto le prime prove

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Concorso centri per l'impiego, oltre 40 mila domande per 568 posti: ad agosto le prime prove

  19 luglio 2022 13:43

Oltre 40mila domande per 568 posti. Sono questi i numeri del concorso per le assunzioni nei Centri per l'Impiego indetto dalla Regione Calabria, numeri che sono stati presentati oggi, nella sede della Giunta Catanzaro, in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, dal presidente del Formez, Alberto Bonisoli e dall'assessore regionale al Personale, Filippo Pietropaolo. Un concorso che non ha eguali nella storia della Regione né sul piano numerico né sulle procedure, affidate al Formez con la vigilanza della Guardia di Finanza per evitare le interferenze della politica e per garantire la massima trasparenza e l'applicazione del criterio del merito per la selezione dei vincitori. Il concorso per le assunzioni nei Centri per l'Impiego si svolgerà in due step: le prime prove scritte sono in programma il 2, 3 e 4 agosto, le altre entro settembre. “L'obiettivo del concorso – ha spiegato l'assessore regionale Pietropaolo - è assumere 568 unità per i Centri per impiego: 31 di questi sono destinati alle categorie protette, gli altri sono tutti destinati a profili C e D, cioè senza o con la laurea. Per i profili C ci sono circa 177 posti e sono state presentate 25mila domande e per i profili D, invece sono stati presentate altre 18mila domande. Si tratta di un programma di potenziamento dei Centri per l'impiego che prevede non solo l'assunzione, ma anche la formazione presso i centri stessi”.

Banner

“Dal primo giorno del mio insediamento – ha detto Occhiuto - avevo promesso che avremmo avviato tutte le procedure di selezione utilizzando il Formez, con commissioni costituite direttamente dal ministero della Pubblica amministrazione, senza prove orali, in maniera tale che si annulli la discrezionalità e quindi si facciano concorsi il più trasparente possibile, e così è stato. E quindi oggi presentiamo questo concorso per i Centri per l'impiego: è un modo per dimostrare ai giovani calabresi che questo governo regionale vuole investire sul merito e sulla trasparenza ed è un modo anche per dimostrare al Paese che le istituzioni calabresi hanno l'intenzione di fare sul serio, cioè di qualificare l'apparato burocratico della Regione”. A sua volta Bonisoli ha evidenziato: “E' la prima volta che vengo in Calabria e sono molto contento di presentare questo concorso che porterà a un numero importante di assunzioni per la Regione. Siamo contenti della risposta che arriva dalla Calabria e in particolare vediamo che funziona bene anche l'accoglienza alla nuova modalità di svolgimento dei concorsi che – ha ricordato il presidente di Formez - stiamo utilizzando da alcuni mesi: abbiamo tolto la carta, c'è la possibilità di svolgere il concorso con la garanzia del completo anonimato, abbiamo eliminato la possibilità di copiare e poi c'è la possibilità di accorciare i tempi in maniera importante introdotta l'anno scorso con la riforma dal ministro Brunetta”. Pietropaolo infine ha rilevato che “esternalizzando le attività al Formez abbiamo ottenuto la garanzia di uno svolgimento corretto del concorso. In più nei comitati di vigilanza abbiamo l'assistenza del Comando regionale della Guardia di Finanza, il cui supporto sarà impiegato per il presidio delle sedi concorsuali affinché - ha concluso l'assessore regionale al Personale - il concorso venga svolto senza nessuna interferenza”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner