Consiglio Comunale Catanzaro, il 17 agosto si torna in aula: atto quarto di "eleggiamo il Presidente" ma non c'è accordo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Consiglio Comunale Catanzaro, il 17 agosto si torna in aula: atto quarto di "eleggiamo il Presidente" ma non c'è accordo

  09 agosto 2022 16:07

di ENZO COSENTINO

Dopo Ferragosto Consiglio Comunale di Catanzaro. Il 17 agosto ore 8,30. I superstiziosi commentano: Eugenio Riccio, che presiede nella sua qualità di consigliere anziano, poteva farlo slittare al 18. Appuntamento importante, dunque, a Palazzo di Vetro. I vetri della facciata della Provincia potrebbero tremare. Va in scena un nuovo atto, il quarto, della “commedia: “elezione del Presidente”.

Banner

Qualcuno lo ha definito un psicodramma con maggioranza e opposizione che non hanno trovato un punto di incontro. E non lo troveranno. Un gruppetto di consiglieri messisi in… proprio potrebbe avere il pallino in mano e determinare, nella prossima votazione la svolta. A favore del candidato della maggioranza: Gianmichele Bosco a meno che non venga fuori il nome autorevole di qualche leader di movimento che si ritrova nella maggioranza Fiorita. Lasciando a digiuno di posti l’opposizione. Maggioranza e opposizione punti d’incontro nel corso della consiliatura  sarà difficile che ne trovino. Per ora parliamo di due schieramenti ma non è improbabile che, ritornando alle origini e alla loro matrice politica FdI, FI, Lega intendano differenziare la loro opposizione da quella che sarà capitanata dal prof. Valerio Donato, lo sconfitto al ballottaggio. 

Banner

Ecco perché il prossimo Consiglio si prevede “caldo”. Caldo o freddo che sia l’importante è scrivere su questa specifica vicenda la parola fine. E’ in gioco, agli occhi della gente, la credibilità complessiva di tutto il Consiglio. Per carità, aspetti emergenziali il governo cittadino li sta affrontando e se ne deve prendere atto. Ma c’è ancora tanto da fare, soprattutto programmare per farsi trovare pronti appena cominceranno ad essere spendibili i soldi del PNRR e via dicendo. E mettere da parte lo spirito -sventato- della polemica non guasta. Confliggere sul “sesso degli angeli” non serve anche perché angeli non se ne vedono in giro. Ne tanto meno nei Palazzi del potere.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner