Consiglio regionale: turismo, apicoltura e Consorzi di bonifica al centro della riunione della sesta commissione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Consiglio regionale: turismo, apicoltura e Consorzi di bonifica al centro della riunione della sesta commissione

  16 marzo 2022 22:00

Stamane si è tenuta la quarta seduta della Sesta Commissione  permanente, dove i lavori procedono in maniera spedita anche  grazie al clima di intesa e collaborazione che si è instaurato tra i 
componenti della stessa.
Alla discussione dei tre punti previsti all’ordine del giorno hanno  partecipato i tre componenti dell’Ufficio di Presidenza, Gentile,  Tavernise e Graziano ed il Consigliere Cirillo.
Dopo l’avvio dei lavori, da parte della Presidente Katya Gentile che  ha introdotto il primo punto all’O.d.g., è intervenuto l’Assessore  Fausto Orsomarso che ha illustrato, unitamente al dirigente  regionale Ing. Giuseppe Pavone, il Piano annuale 2022 al quale  seguirà nei prossimi mesi il Piano Regionale di Sviluppo Turistico  Sostenibile 2022/2024. A seguito di una fase di analisi e di studio l’Assessore Orsomarso ha predisposto un piano esecutivo che prevede azioni volte a  riqualificare complessivamente l’offerta turistica calabrese attraverso la valorizzazione delle risorse esistenti e delle aree a 
forte vocazione turistica, investendo anche sulla formazione  specifica degli operatori del settore. Un ruolo fondamentale viene attribuito ai MID (Marcatori Identitari Distintivi), che identificano
le tipicità del nostro territorio e verranno promossi sui mercati  internazionali.

Il Vicepresidente Tavernise ha giudicato positivamente l’idea di  unire i settori della mobilità e del turismo, tra loro complementari, all’interno del neo-dipartimento regionale. Il Segretario Graziano ha sottolineato la valenza dello studio dei  dati storici sul turismo, utili a comprendere come e dove si debba  incidere strategicamente per aumentare le presenze turistiche. Il Consigliere Cirillo ha puntualizzato l’importanza della  riorganizzazione dei servizi e ha condiviso le azioni volte alla destagionalizzazione turistica, anche attraverso l’organizzazione di  grandi eventi.
La Presidente Gentile ha posto l’attenzione sulla necessità di affiancare gli imprenditori e gli operatori turistici calabresi rendendoli maggiormente competitivi, anche riguardo l’accesso ai  finanziamenti nazionali e comunitari, al fine di colmare l’evidente  gap che ci differenzia dalle altre regioni.
La Commissione esprimendo parere favorevole al piano ha sottolineato l’importanza della formazione che consentirà di  potenziare il livello di professionalità dei nostri operatori. I lavori sono proseguiti con la discussione sul progetto di legge 46/2022.

Banner

La Presidente, in qualità di prima firmataria, ha relazionato sulla  proposta di legge che va a colmare il vuoto legislativo nel settore  dell’apicoltura. L’esponente Forzista si è soffermata sull’importanza ricoperta da  questo settore strategico che va dalla produzione alla  commercializzazione di un prodotto di alto pregio che possiede  una vasta gamma di proprietà organolettiche, rimarcando il ruolo 
fondamentale svolto dalle api per l’ambiente e nella produzione  alimentare. Dopo la discussione che ha visto la partecipazione dei dirigenti  regionali, la Commissione all’unanimità ha deciso di rinviare il 
punto alla prossima seduta per consentire maggiori  approfondimenti e per la presentazione di eventuali  emendamenti.

Banner

Con il terzo ed ultimo punto all’O.d.g. la Commissione ha  proseguito la ricognizione sullo stato dei Consorzi di Bonifica calabresi, audendo i rappresentanti delle Organizzazioni di 
categoria. Al termine degli interventi la Commissione ha ringraziato i  referenti di CIA, Confagricoltura, Copagri e Coldiretti per il loro  fattivo contributo, fornito attraverso proposte e documentazione
che sono state acquisite agli atti. In conclusione, la Presidente Gentile ha sottolineato l’importanza 
della presenza attiva di tutte le Associazioni datoriali alla governance dei Consorzi e, nel rimarcare il ruolo rivestito da questi  Enti nel settore agricolo, per la difesa del suolo e per la  prevenzione del rischio idrogeologico ha ribadito la necessità di  procedere, attraverso interventi di riordino di natura normativa, 
gestionale e finanziaria, su un percorso che possa ricondurre  l’attività degli apparati consortili ai principi di efficienza, efficacia ed economicità.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner