Contratti istituzionali di sviluppo, a Crotone e Vibo Valentia tutto tace. La denuncia di Mingrone, segretario della Ust Cisl Magna Grecia

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Contratti istituzionali di sviluppo, a Crotone e Vibo Valentia tutto tace. La denuncia di Mingrone, segretario della Ust Cisl Magna Grecia
Francesco Mingrone, segretario della Ust Cisl Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia
  30 ottobre 2019 15:56

Contratti istituzionali di sviluppo, A Crotone e Vibo Valentia le cose vanno troppo a rilento.
 
Il segretario generale della Cisl Magna Graecia (Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia) Francesco Mingrone, in merito ai Contratti istituzionali di sviluppo, meglio noti, come Cis. interviene per sottolineare come, mentre a Catanzaro l’Ente Provincia sta coordinando le progettualità richieste ai Comuni ottemperando ai termini e ai tempi previsti, nelle province di Vibo Valentia e Crotone tutto tace.
 
"Eppure, sin dalle prime riunioni, - evidenzia Mingrone – era emerso il grande potenziale di questa opportunità. I CIS sono uno strumento pensato dal Governo che per il  tramite di INVITALIA debbono accelerare la realizzazione di progetti strategici, tra loro funzionalmente connessi e di valorizzazione dei territori. Rientrano in tale ambito i progetti di infrastrutturazione, sviluppo economico, produttivo e imprenditoriale, turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali, ambiente, occupazione e inclusione sociale. E’, quindi, necessario che i presidenti degli Enti intermedi deficitari e, in ritardo con i tempi, si affrettino a convocare i sindaci cercando di pianificare le giuste proposte per i territori di competenza evitando di perdere una grande chance di  partenariato sociale ed economico". 
 
"Quella in corso è un’occasione unica per programmare e dare vita ad una visione strategica condivisa e a lungo termine, lontana dalle logiche frammentarie e dagli interventi a pioggia che hanno, negli anni, reso la Pubblica Amministrazione, degli enti ingessati e poco elastici. Si punti, allora, al confronto e al coinvolgimento di tutto il partenariato sociale. Ma si faccia ora. Subito".
 
"Senza infingimenti e rinvii che sanno  tanto di ritardi dovuti al sopraggiungere di ansie elettorali".
 
 
 
 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner