Convegno di interesse nazionale sullo sviluppo urbanistico di Catanzaro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Convegno di interesse nazionale sullo sviluppo urbanistico di Catanzaro

  05 giugno 2019 16:28

“Risorse del territorio e sostenibilità ambientale: Quale sviluppo per Catanzaro?”. Sarà questo il tema dell’incontro-dibattito di interesse nazionale organizzato su iniziativa del sindaco Sergio Abramo che si terrà martedì 18 giugno, alle ore 16, nella Casa delle culture della Provincia. I dettagli dell’evento sono stati concertati e definiti in occasione di un incontro a Palazzo de Nobili presieduto dal primo cittadino - affiancato dall’assessore all’Urbanistica, Modestina Migliaccio Santacroce, dal dirigente dello stesso settore, Giuseppe Lonetti, e dal dirigente del settore Edilizia privata, Giovanni Laganà - alla presenza dei rappresentanti territoriali degli ordini professionali e delle associazioni di categoria che hanno deciso di offrire il proprio contributo al tavolo di concertazione sulla riorganizzazione urbanistica dell'area di Giovino: Ordini degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geologi, Confindustria, Ance, Confesercenti e Legambiente.

Al convegno programmato a metà mese parteciperanno presidenti e referenti nazionali invitati dagli stessi soggetti impegnati al tavolo permanente, oltre che personalità del mondo universitario, al fine di promuovere e far conoscere a livello nazionale e internazionale le opportunità di investimento offerte dalla vasta fascia di territorio che si affaccia sul Mediterraneo. “Abbiamo condiviso – sottolinea Abramo – l’impegno e l’interesse nell’accendere i riflettori nazionali su un’area di notevole pregio naturalistico e ambientale, favorendo così la partecipazione al concorso di idee per Giovino di potenziali grandi investitori. Servono progetti di qualità per valorizzare lo straordinario patrimonio di cui il nostro territorio è ricco e per concertare nel migliore dei modi quello che potrà esserne la naturale vocazione turistica, nel rispetto della salvaguardia e della sostenibilità ambientale”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner