Corbelli (Diritti Civili) vuole la Dad, “le scuole in presenza sono un attentato! Fermate questo massacro!"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Corbelli (Diritti Civili) vuole la Dad, “le scuole in presenza sono un attentato! Fermate questo massacro!"
Il leader del movimento Diritti Civili, Franco Corbelli
  12 gennaio 2022 18:28

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, interviene per chiedere di “fermare il massacro di milioni di bambini, ragazzi, insegnanti, costretti ad andare a scuola e rischiare di infettarsi tutti, nella fase più drammatica di diffusione incontrollata del virus per la contagiosissima variante Omicron. Le scuole in presenza in questo particolare, delicato e difficile momento della pandemia, con un aumento impressionante e record dei contagi (ieri, martedì, oltre 220mila, quasi 300 morti, 185 nuovi ingressi in terapia intensiva e 727 nuovi ricoveri nei reparti ordinari!), sono un attentato alla salute di milioni di bambini, ragazzi, personale scolastico e delle loro famiglie. Basta la Dad per 2-3 settimane,  il tempo che si raggiunga il picco previsto, e si scongiurano così migliaia di contagi. Questo delle scuole è oggi il vero problema e l’emergenza assoluta non la caccia e persecuzione, continua e disumana, dei (pochi) non vaccinati, che non hanno certamente alcuna responsabilità per questa nuova ondata pandemica della variante Omicron (assai contagiosa ma per fortuna con effetti lievi) e che non hanno ad oggi provocato un solo focolaio in tutto il Paese e che vengono contagiati al pari, se non addirittura di meno, dei vaccinati con prima, seconda e terza dose”!  

Corbelli, che ribadisce di “non essere assolutamente contrario ai vaccini ma di difendere la libertà di scelta di quella sparuta minoranza (che considera come gli “ultimi” delle sue battaglie civili che ha sempre difeso per una vita intera!) che non ha voluto (per una comprensibile paura)  o potuto (per giustificati motivi di salute) farsi inoculare un siero sperimentale”, rivolge dure accuse al Governo “per questa barbarie e  questo scempio dei diritti fondamentali e delle libertà dei cittadini! Il Governo italiano negando la Dad per qualche settimana, come hanno responsabilmente chiesto migliaia di presidi, insegnanti, studenti, molti Governatori, scienziati, sindacati e politici onesti e ogni persona di buon senso, manda invece letteralmente al massacro milioni di alunni, tutto il personale scolastico e le loro famiglie. Non solo. Il consulente del ministero della Salute, Ricciardi, ha dichiarato, in una intervista, che la riapertura delle scuole in presenza è addirittura contro la scienza! E il Governo che fa? Ignora finanche questo autorevole parere scientifico! L’Esecutivo è consapevole che siamo nel pieno della tempesta pandemica, che Omicron è contagiosissima, sa che è pressoché certo che con le scuole in presenza (e con i mezzi di trasporto stracolmi!) finiranno con il contagiarsi praticamente tutti e, anziché scongiurare questo pericolo, testardamente, irresponsabilmente e in modo assolutamente ingiustificato e colpevole insiste con questo folle provvedimento, per una mera, assurda battaglia ideologica, nonostante, ripeto, i disperati appelli che continuano ad arrivare da più parti al di là delle sporadiche dichiarazioni contrarie di qualche parassita e leader politico fallito o di quelli dei talk show e media, che Celentano chiama Bestie con gli artigli che spargono odio! E’ tutto così assurdo, folle e irresponsabile (per non dire di peggio!) che non si riesce a trovare una sia pure minima giustificazione alla pazzia delle scuole in presenza in questo momento. Per fare un paragone e usare una metafora è come se durante la guerra e con i bombardamenti in corso anziché tenere in casa bambini, ragazzi e insegnanti li si costringesse ad andare a scuola sotto le bombe(il virus non è certo diverso, è come una bomba sospesa nell’aria pronta  a colpire chiunque, soprattutto in un luogo affollato, al di là, come si è visto, se si è vaccinati, con una, due, tre o… quattro dosi!). Non basta aver, in modo brutale, privato milioni di italiani (che non sono vaccinati, per, ripeto, una comprensibile preoccupazione e per ragioni di salute) dei loro diritti fondamentali, averli ridotti alla fame e isolati dal contesto sociale, si vogliono adesso, tenendo le scuole in presenza, mandare anche al massacro milioni di bambini, ragazzi, insegnanti, presidi, personale Ata? Chiedo: ma si può, in un Paese civile, consentire questa barbarie? Possibile - conclude Corbelli - che non ci sia, in Italia, un solo organismo di Giustizia che abbia il coraggio e l’onestà di fermare questo scempio dei diritti fondamentali e delle libertà dei cittadini?”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner