Corigliano Calabro. Il Cosap: "Nessun poliziotto è stato multato e nessun polizotto era assembrato al bancone del bar"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Corigliano Calabro. Il Cosap: "Nessun poliziotto è stato multato e nessun polizotto era assembrato  al bancone del bar"

  28 aprile 2021 09:12

Riceviamo e pubblichiamo  la nota del sindacato di Polizia COSAP in merito alla notizia relativa ad alcuni  poliziotti multati dai carabinieri a Corigliano Calabro perché "assembrati" in un bar. 

Il sindacato di Polizia COSAP non resta inerte dinanzi ad una ormai triste consuetudine: colpire la polizia solo per fare notizia, colpirla nel suo onore con accuse infamanti e prive di ogni fondamento. Tanto clamore mediatico posto in atto da testate come : “Repubblica.it, Tgcom 24, il Fatto Quotidiano, Il Tempo.it, Fanpage, Il Riformista ed altre” nessuna delle quali parrebbe aver verificato la fondatezza della notizia prima di pubblicarla gettando infamia sulla Polizia di Stato. Questa segreteria nazionale ha interloquito direttamente con l’avv.to NICOLETTI Francesco che ha diramato a sua volta un comunicato stampa, in nome e per conto del titolare bar gelateria “Capani” di Corigliano Calabro, in cui sarebbero state elevate dai Carabinieri queste “fantomatiche” sanzioni ai Poliziotti del locale Commissariato di P.S..

Banner

LEGGI ANCHE QUI. Corigliano Rossano. Multe ai poliziotti, il titolare del bar: "Nessun avventore sanzionato"

Banner

Chiariamo che il 23 aprile u.s. a Corigliano Calabro nessun poliziotto è stato multato e nessun polizotto era assembrato davanti al bancone del bar a bere caffè ! I mass media farebbero bene a verificare le notizie prima di divulgarle, evitando “fango mediatico” sui poliziotti che proprio per contrastare l’emergenza epidemiologica da Covid hanno registrato numerose perdite o colleghi contagiati. Il COSAP chiede alle testate coinvolte, ai sensi dell’art 42 della L.416/81, la rettifica della falsa notizia divulgata e che la verità dei fatti abbia altrettanto eco mediatica di quanto ha avuto la fake news, con doverose scuse da parte di chi dovrebbe fare giornalismo serio e verificato.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner