Coronavirus. Bevacqua (PD) scrive al presidente Santelli: "Si impieghi l'esercito per vigilare sugli spostamenti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus.  Bevacqua (PD) scrive al presidente Santelli: "Si impieghi l'esercito per vigilare sugli spostamenti"
Domenico Bevacqua, capogruppo PD in Consiglio regionale
  01 aprile 2020 16:53

"Da qualche giorno, giungono da più parti della Calabria notizie di allentamenti nella sorveglianza e di un aumento delle persone in circolazione: non va affatto bene. Chiedo, pertanto, alla Presidente Santelli a esigere in maniera forte, attraverso l'interessamento in prima istanza dei Prefetti e, in secondo luogo, del Dipartimento Pubblica Sicurezza, l'impiego dell'esercito per quei compiti di vigilanza rispetto ai quali le dotazioni presenti di Forze dell'Ordine non sono sufficienti. Non si tratta di militarizzare nulla: si tratta di preservare la salute di coloro che adempiono al proprio dovere di cittadini responsabili. E sono la grande maggioranza".

È quanto afferma Domenico Bevacqua, capogruppo PD in Consiglio regionale. "Non è il momento - prosegue - di lasciarsi trascinare dall'emozione: vogliamo tutti tornare alla vita normale, ma bisogna usare la ragione. La bassa incidenza del virus registrata finora nella nostra Regione deriva certamente dalla 'serrata' dell'8 marzo avvenuta in concomitanza con gli esodi dal nord: non c'è altro modo di arrestare il mostro, se non impedendo alle persone di portarlo in giro. Su questa linea esprimo una esortazione di buon senso: attenzione a riaprire in maniera indiscriminata".

Banner

"Se il Sud, e la Calabria in particolare, hanno subito in maniera ridotta gli effetti dell'epidemia, un improvviso 'liberi tutti' potrebbe comportare rischi enormi. Le capacità di reazione della nostra sanità sono bassissime e non possiamo fare finta che non sia così. Ecco perché, prima di una riapertura, che dovrà essere effettuata in maniera controllata e in condizioni di sicurezza, bisogna adesso mantenere le maglie strette: per il bene di tutti".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner