Coronavirus. Il viceministro Sileri all'ospedale di Catanzaro: "Per la Calabria priorità a tamponi e dispositivi di protezione" (VIDEO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus. Il viceministro Sileri all'ospedale di Catanzaro: "Per la Calabria priorità a tamponi e dispositivi di protezione" (VIDEO)

  03 aprile 2020 12:37

"Non è un sopralluogo è semplicemente un essere presenti per capire ciò che viene fatto nell'emergenza del coronavirus. Ascoltare le necessità, riportarle al centro (a Roma) per migliorare ciò che deve essere migliorato".

Lo ha detto il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, in visita questa mattina all'ospedale Pugliese di Catanzaro, accompagnato dal commissario ad acta Saverio Cotticelli e dal commissario dell'azienda Giuseppe Zuccatelli.

"Cerchiamo di migliorare quello che non va: carenze di tamponi, problemi con le RSA e di percorsi. Così il viceministro rispondendo alla domanda sul commissariamento su cui ha specificato "adesso pensiamo a sconfiggere questo nemico invisibile. Dopo i nodi vengono al pettine". "Le carenze (tornando a parlare delle attrezzature per il Covid) ci sono state in tutta Italia. 

È chiaro che siano stati dirottati al Nord dove c'è stata l'ondata. Io credo che in questo momento la priorità sia da dover dare ai tamponi per verificare il contagio e dispositivi di protezione per il personale".


Servizio e montaggio di Franco Massaro

Banner

Sulla RSA di Chiaravalle Centrale ha detto: "Ci saranno indagini delle autorità e della Procura e si esprimeranno loro. Certo- ha aggiunto-, non sono situazioni che dovrebbero ripetersi".

"Le polemiche ci sono dal primo giorno -ha detto Sileri parlando della situazione nazionale-. Dal blocco dei voli. Stiamo combattendo un qualcosa che non è mai avvenuto nella storia dell'umanità. Se noi pensiamo di risolvere questo problema con la testa di ieri, con il modo di pensare di ieri non ne usciamo. Serve un nuovo modo di pensare, un modo nuovo di affrontare. Le polemiche non servono a nulla, soprattutto in un momento del genere. È chiaro che qualche sbaglio ci sarà stato. Non l'abbiamo fatto solamente noi. Ma si tratta di sbagli perché siamo di fronte ad una cosa estremamente nuova".

Banner

"Una cosa è certa: la battaglia verrà vinta. Si tratta però di coesistere con il virus finché non avremo il vaccino. Le cose fondamentali sono: protezione per i lavoratori, individuazione di coloro che hanno avuto il virus e una ripartenza graduale per proteggere la popolazione". (g.r.)


Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner