Coronavirus. In Calabria Unità speciali di continuità assistenziale per i contagiati non ricoverati

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus. In Calabria Unità speciali di continuità assistenziale per i contagiati non  ricoverati

  29 marzo 2020 20:23

I contagiati in isolamento domiciliare potranno essere assisti dei medici di base. Il presidente Jole Santelli ha adottato un apposito decreto di istituzione delle Unità speciali di Continuità Assistenziale. 

Con Decreto del Presidente Giunta Regionale numero 25 del 29 marzo 2020 sono istituite, per la durata dello stato di emergenza, Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 che non necessitano di ricovero.

Banner

Nello specifico tali Unità sono istituite presso una sede di continuità assistenziale, al fine di consentire al medico di assistenza primaria o al pediatra di libera scelta o al medico di continuità assistenziale di garantire l'attività assistenziale ordinaria.

Banner

Le unità provvedono alla gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero.

Banner

Inoltre sono istituite presso una sede di continuità assistenziale già esistente assicurando il rapporto di una unità speciale ogni 50.000 abitanti;  ognuna è costituita da un numero di medici pari a quelli già presenti nella sede di continuità assistenziale prescelta;

Nelle unità possono farne parte: i medici titolari o supplenti di continuità assistenziale; i medici che frequentano il corso di formazione specifica in medicina generale; in via residuale, i laureati in medicina; l’unità speciale è attiva sette giorni su sette, dalle ore 8.00 alle ore 20.00, e ai medici per le attività svolte è riconosciuto un compenso di 40 euro ad ora.

Inoltre l’effettiva attivazione delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) sarà effettuata sulla base di provvedimenti da adottarsi dalle Aziende Sanitarie Provinciali, in relazione all’evolvere del bisogno assistenziale, al fine di assicurare la più efficace operatività delle stesse e la migliore allocazione delle risorse disponibili in funzione delle necessità.

Sedi Unità Speciali di Continuità Assistenziale per ciascuna Azienda Sanitaria Provinciale:
Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro:
Sede Unità Speciale di Continuità Assistenziale
? Catanzaro 1;
? Catanzaro 2;
? Tiriolo;
? Soverato;
? Chiaravalle;
? Nicastro;
? San Pietro a Maida;
? Decollatura.
Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza:
Sede Unità Speciale di Continuità Assistenziale
? Castrovillari;
? San Marco Argentano;
? Scalea;
? San Lucido;
? Rende (Università);
? Acri;
? Cariati;
? San Demetrio Corone;
? Cosenza;
? Mendicino
? Cassano allo Jonio.
Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone:
Sede Unità Speciale di Continuità Assistenziale
? Crotone;
? Cirò Marina;
? Mesoraca.

Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria:
Sede Unità Speciale di Continuità Assistenziale
? Reggio Nord;
? Reggio Sud;
? Gallico;
? Pellaro;
? Scilla;
? Melito Porto Salvo;
? Palmi;
? Taurianova;
? Rosarno;
? Ferruzzano;
? Caulonia;
? Riace.
Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia:
Sede Unità Speciale di Continuità Assistenziale
? Vibo Valentia;
? Serra San Bruno;
? Tropea.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner