Coronavirus. L'ospedale di Reggio Calabria: "Un infermiere è positivo. Le degenze ordinarie di Ematologia riprenderanno martedì"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus. L'ospedale di Reggio Calabria: "Un infermiere è positivo. Le degenze ordinarie di Ematologia riprenderanno martedì"
L'ingresso dell'ospedale di Reggio Calabria
  29 marzo 2020 23:17

Al fine di non generare ingiustificati allarmismi, la Direzione del G.O.M. comunica che, ancor prima della specifica Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 20 del 27 marzo, è stata attivata l’esecuzione di tamponi per tutti gli operatori sanitari e per i pazienti ospedalizzati con segni e sintomi compatibili con il Covid19 e/o immuno-depressi.

Lo screening già condotto, come in altri reparti, anche nell’U.O.C. di Ematologia, ha fatto emergere, nel primissimo pomeriggio di ieri, la positività di un’infermiera.

Banner

L’operatrice sanitaria, asintomatica, è stata immediatamente allontanata dall’ospedale e posta in isolamento domiciliare.

Banner

La Direzione Medica di Presidio sta monitorando i possibili contatti dell’infermiera, anche quelli extra ospedalieri, al fine di comunicarli al Dipartimento di Prevenzione dell’A.S.P..

Banner

L’U.O.C. di Ematologia non ha chiuso, ma ha proseguito l’attività dimettendo i pazienti che possono essere assistiti in Day Hospital e trasferendo temporaneamente i restanti tre pazienti in altri reparti, dove continueranno ad essere assistiti dal personale dell’Ematologia e ad effettuare le stesse terapie già in atto.

In nottata i locali del Day Hospital saranno oggetto di un’ulteriore sanificazione in modo che già domani, dalle ore 8:30, saranno agibili. A seguire, si procederà alla sanificazione dei locali della degenza ordinaria dell’U.O.C. di Ematologia che saranno riutilizzati da martedì mattina con il rientro dei pazienti nella sede assistenziale originaria.

Per quanto sopra, si evidenzia non esservi stata alcuna chiusura ma, semplicemente, il temporaneo trasferimento di tre pazienti in altri reparti garantendo loro, comunque, la continuità dell’assistenza sanitaria specialistica.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner