Covid. Dipendenti azienda agricola di Pianopoli senza cassa integrazione da aprile 2020

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Covid. Dipendenti azienda agricola di Pianopoli senza cassa integrazione da aprile 2020
Logo Cassa integrazione
  02 luglio 2021 18:17

I dipendenti di un'azienda agricola campana non hanno mai ricevuto la cassa integrazione prevista per l'emergenza Covid ed entrata in vigore con la circolare dell'8 aprile 2020.

Lo segnala il Centro Studi Fiscal Focus con sede a a Pianopoli (Catanzaro) diretto da Antonio Gigliotti al quale è giunta ieri sera la segnalazione, con documentazione allegata, da parte del consulente del lavoro, Luciano Salese, che, è scritto in una nota, "ha chiesto chiarimenti all'INPS lo scorso 21 giugno dopo la chiusura del cassetto previdenziale dell'azienda senza ricevere dall'ente previdenziale mai alcuna risposta". "La società - è scritto nella comunicazione di Salese - ha inviato nel corso della pandemia molteplici domande Cisoa (cassa integrazione agricola, ndr) ma la vostra spettabile sede Inps di Castellammare di Stabia non ha ancora evaso le dette pratiche e non ha ancora fornito alcun riscontro/esito alle domande inoltrate. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcun riscontro in merito alle domande Cisoa presentate per gli anni 2020 e 2021. I lavoratori non hanno percepito nulla! Nemmeno quella di marzo (2020, ndr)".

Un sollecito a cui la sede Inps di Castellammare di Stabia ha risposto che "le domanda Cisoa non sono state ancora istruite. Saranno istruite il prima possibile compatibilmente con i carichi di lavoro e il personale disponibile". "Si tratta - afferma Antonio Gigliotti - di un'azienda con dieci dipendenti di cui quattro richiedevano la cassa integrazione. In questa circostanza l'Inps ammetterebbe esplicitamente di non avere mai nemmeno preso in carico la pratica. Nonostante i numerosi solleciti. Parliamo di quattro dipendenti con probabilmente una famiglia da mantenere. Ci aspettiamo che, se ce ne saranno gli estremi, i vertici dell'Inps applichino severe sanzioni. Si tratta di una circostanza tanto spiacevole quanto intollerabile".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner