Covid in Calabria: preoccupa la crescita di casi nel Lametino, soprattutto in ambito scolastico

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Covid in Calabria: preoccupa la crescita di casi nel Lametino, soprattutto in ambito scolastico
Covid

E' quanto emerge dalla riunione del Tavolo tecnico-sociale permanente sulla Sanità pubblica istituito dalla Società Italiana di Promozione della Salute Delegazione Calabria, a cui hanno aderito il Coordinamento 19 Marzo e diverse Associazioni e professionisti sanitari

  21 dicembre 2021 15:23

“Desta forte preoccupazione il costante aumento dei contagi da Covid 19 in Calabria, con una curva tornata a risalire nei vari parametri: nell’arco degli ultimi giorni sono infatti considerevolmente aumentati i nuovi casi, con sempre maggiori preoccupazioni, soprattutto nell’area del Lametino”. 

Questo quanto emerge dalla riunione del Tavolo tecnico-sociale permanente sulla Sanità pubblica istituito dalla Società Italiana di Promozione della Salute Delegazione Calabria, a cui hanno aderito il Coordinamento 19 Marzo e diverse Associazioni e professionisti sanitari.

Banner

Un’impennata di contagi che sta interessando molte zone d’Italia e che sta mettendo a dura prova le Aziende Sanitarie della Calabria, le quali avrebbero bisogno di più operatori dedicati ai tamponi e ai processi di contact tracing per dare risposte più rapide alle famiglie.

Banner

Per quanto riguarda più da vicino il Lametino, la maggiore incidenza dei casi si riscontra – cosi come confermato dal monitoraggio settimanale – negli Istituti scolastici. La didattica a distanza (che il Ministero voleva scongiurare) si sta sempre più riattivando perché, da un lato, aumentano i contagi specie tra bambini della scuola primaria e secondaria di primo grado, le scuole si mostrano in crisi nel gestire le quarantene e le Aziende Sanitarie sono in affanno soprattutto con le suddette attività, mentre, dall’altro, a causa di procedure lente e macchinose dovute ai Protocolli ed alle Circolari – succedutesi anche in contraddizione – del Ministero della Salute di Novembre scorso che mettono in seria difficoltà, oltre i Dirigenti Scolastici, gli operatori: non funziona il meccanismo dei due tamponi, di cui uno subito (T0) effettuato, in caso di soggetto positivo in classe, per il rientro a scuola (in caso di negatività) e il successivo dopo cinque giorni (T5) sugli stessi soggetti. Infatti, anche a causa dell’assenza della figura dell’infermiere scolastico, tra l’impossibilità di gestire due tamponi che spesso finiscono col sovrapporsi e il numero di casi in costante aumento, si assumono rischi, tra gli altri, di perdere giorni che mettono in crisi il tracciamento.

Banner

Dal Tavolo emerge chiaramente l’esigenza di stimolare le istituzioni a migliorare quegli interventi necessari a ridurre i rischi di contagio, e si evidenzia la necessità di migliorare la comunicazione per sensibilizzare i cittadini alla vaccinazione. "Auspichiamo infine un celere ed immediato confronto con le forze politiche, anche quelle territoriali di maggioranza, tra cui la neo presidente della Commissione consiliare Sanità Antonietta D’Amico e quelle di opposizione, al fine di conoscere quali iniziative intendono intraprendere per fronteggiare tale emergenza".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner