Criminalità a Lamezia Terme, Masi (PD): "Siamo preoccupati, necessario un segnale forte dello Stato"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Criminalità a Lamezia Terme, Masi (PD): "Siamo preoccupati, necessario un segnale forte dello Stato"

  08 marzo 2022 12:41

"Il PD lametino esprime forte preoccupazione per l’attentato criminale di ieri a Lamezia Terme con esito di un omicidio e due ferimenti. Un atto gravissimo accaduto in pieno centro e in un orario pomeridiano in cui le strade sono ancora molto popolate. Quanto accaduto dimostra che non possiamo permetterci di abbassare la guardia contro la criminalità mafiosa e che dobbiamo dare il massimo sostegno alle forze dell’ordine ed alla magistratura".

Così, in una nota, Gennarino Masi, segretario cittadino del PD di Lamezia Terme.

Banner

"La ripresa degli scontri tra famiglie di ‘ndrangheta o al loro stesso interno, ci deve preoccupare tutti, perché significa che le tante indagini della DDA non riescono purtroppo a estirpare completamente la mala pianta, che risorge come l’araba fenice e continua imperterrita con i suoi loschi affari a soffocare l’economia legale e lo sviluppo delle tante potenzialità inespresse della nostra città. -prosegue la nota- 

Banner

Il fatto che possano accadere tali brutali atti non può lasciarci indifferenti o silenziosi: è necessario che la comunità del nostro territorio esprima senza se e senza ma la propria repulsione per questo atto barbarico che alimenta un clima di insicurezza diffusa nell'intera collettività.

Banner

La società civile di Lamezia, le nostre istituzioni e tutti i partiti devono mostrare concretamente il loro rifiuto per cercare scongiurare il ritorno di quella cappa criminale che la città ha già subito in passato con gravi ricadute politiche, istituzionali e sociali.

Abbiamo, però, bisogno che anche lo Stato dia un segnale forte per arginare l’ulteriore degenerazione di una situazione già di per sé grave. E per questo ci appelliamo alla Ministra dell'Interno Lamorgese, affinché intervenga per stroncare sul nascere queste recrudescenze malavitose, mettendo in campo risorse e strumenti adeguati e potenziando di uomini e mezzi le dotazioni delle forze dell'ordine e gli organici degli uffici giudiziari al fine di assicurare un adeguato presidio del territorio".

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner