Ddl Zan bocciato in Senato. Paolo Marraffa: "Condivido i post di Antonello Talerico. Una vera e propria tragedia giuridica e un disastro politico"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Ddl Zan bocciato in Senato. Paolo Marraffa: "Condivido i post di Antonello Talerico. Una vera e propria tragedia giuridica e un disastro politico"

  30 ottobre 2021 18:30

di PAOLO MARRAFFA

Grazie ad Antonello Talerico, presidente ordine distrettuale degli avvocati di Catanzaro. Vi comunico uno degli ultimi suoi post su Facebook in merito all’affossamento del DDL Zan che alcuni definiscono come una vittoria, dopo aver esultato per la “tagliola”. In questo momento gli attivisti LGBT che rappresentano una vera e propria minoranza della nostra Nazione si trovano a protestare come disperati in piazza Prefettura. 

Banner

“Ddl Zan affossato per 20 voti in Senato. Tutta colpa di Letta, che ha rifiutato ogni mediazione. La strada parlamentare su cui era incanalato il provvedimento portava al voto segreto, e quando non si vota in modo palese le sorprese dei franchi tiratori sono dietro l’angolo. C’è sempre qualcuno che deve regolare i conti con qualcun altro. Si poteva seguire strade alternative? Certamente, ma Enrico Letta non ha voluto. Si è impuntato sulla battaglia identitaria e ideologica ed è andato dritto a sbattere. Sarebbe bastato togliere un paio di passaggi molto discutibili, come la definizione di identità di genere, e da ieri l’Italia avrebbe avuto la sua legge contro l’omofobia con pene inasprite contro certi reati. La mediazione è il cuore della politica, la ricerca di un accordo va nella direzione di tentare di comporre i legittimi interessi di tutte le parti. Il passo indietro del ddl Zan viene considerato un passo falso di Letta.”

Banner

Cfr. https://www.facebook.com/1453971945/posts/10223972975499596/?d=n)

Banner

L’avvocato condivide poi con questo commento l’affermazione di Tommaso Cerno che ha definito la legge come medievale (condivisa anche da Salvini sul suo profilo Facebook): “Condivido appieno le considerazioni del senatore del Pd, che ha avuto il coraggio, contrariamente rispetto a tanti suoi compagni di partito, di dire la verità sulla bocciatura della Legge Zan. Parlano tanto di democrazia e di libertà di pensiero e poi avevano tentato di introdurre un reato di opinione.”

Cfr. https://www.facebook.com/1453971945/posts/10223980540488716/?d=n

CONCLUSIONE: 

L’analisi di Antonello è puntuale e non è la sola, diverse sono le persone infatti che danno la colpa di quanto successo a Letta e finiscono il loro discorso con pensieri simili. Poco fa ho ricevuto un comunicato dai provita dal titolo “ddl Zan bocciato, una vittoria di tutti”.  La parola “tutti” mi ricorda un altro post quello dell’ex ministro Giulio Terzi:

“I DIRITTI DI ALCUNI SONO I DIRITTI DI TUTTI” cfr. https://www.facebook.com/100044614081363/posts/351134583050342/?d=n con una immagine della bandiera lgbt in fiamme.

Personalmente, ritengo questa vicenda come una vera e propria tragedia giuridica e un disastro politico. Non capisco come sia possibile che ci siano magistrati e avvocati convinti di questa ipotetica vittoria. Quando si tratta di un fallimento a prescindere da Zan, una legge che nasce per tutelare la minoranza lgbt, rafforzare la disciplina dell’ordinamento giuridico e l’antidiscriminazione di queste persone, visti gli ultimi tristi episodi (aggressioni e morti). Non so come concludere quanto scritto finora, non ci sono parole per descrivere la mia indignazione.  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner