Debito al Comune di Catanzaro. Costanzo (FareperCatanzaro): "I cittadini hanno diritto di sapere " 

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Debito al Comune di Catanzaro. Costanzo (FareperCatanzaro): "I cittadini hanno diritto di sapere " 
Sergio Costanzo, capogruppo di Fare per Catanzaro
  03 giugno 2021 11:52

"Come è stato possibile accumulare un debito di 25 milioni di euro? Come si pensa di potere fare fronte al piano di rientro-capestro con rate da 8 milioni di euro all’anno? I servizi essenziali per i cittadini sono a rischio e l’Amministrazione può andare in default come Napoli, Salerno e Reggio Calabria ? Sono le domande che poniamo al sindaco Abramo, l’uomo dai “conti in ordine”, dopo la terribile notizia diffusa dalla stampa secondo cui il Comune di Catanzaro è tra i dieci Comuni più indebitati d’Italia". E' quanto si legge in una nota di Sergio Costanzo, Capogruppo FareperCatanzaro.

"Se non interverrà il Governo, come ha chiesto il sindaco di Napoli De Magistris, - prosegue - potrebbero tra qualche mese non essere erogati i servizi essenziali come la raccolta dei rifiuti, il trasporto pubblico scolastico, la manutenzione ordinaria e la regolare pubblica illuminazione. Questa tragica situazione potrebbe ripercuotersi sulla vita futura della Città e sulle future generazioni perché un debito del genere, assieme a tutte le altre criticità segnalate dalla Corte dei Conti, impedirebbe a chiunque di governare".

Banner

"Poiché anche le notizie diffuse dai giornali sono parziali, il sindaco Abramo deve parlare alla città e dire qual è la reale situazione e come intende affrontarla, non senza prima dire di chi sono le responsabilità e come è stato possibile accumulare un debito di tali dimensioni. Visto che Abramo è sindaco da venti anni, non potrà dire che si tratta di debiti contratti dalle precedenti amministrazioni. Abbiamo il diritto di sapere e i cittadini hanno diritto di sapere come sono stati governati in questi venti anni".                                                       

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner