Debito sanità calabrese al massimo di 1,2 miliardi, Occhiuto: "Ma dopo la verifica scenderà"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Debito sanità calabrese al massimo di 1,2 miliardi, Occhiuto: "Ma dopo la verifica scenderà"

Sono 863 milioni fino al dicembre 2020 e poi altri 363 milioni di 'circolante' relativo al 2021-22. Per Occhiuto scenderà ulteriormente dopo la verifica con la Guardia di Finanza

  04 gennaio 2023 16:44

Il debito, anzi le pretese creditorie nei confronti della sanità calabrese sono complessivamente 1 miliardo e 226 milioni di euro. E' il dato emerso durante la conferenza stampa in cui il presidente della Regione e commissario Occhiuto ha svelato il dato. In realtà va precisato che il debito al 31 dicembre 2020 (quello che più interessava) a seguito della procedura di circolarizzazione dei mesi scorsi è di circa 863 milioni di euro. Gli altri 363 milioni sono quelli del 2021 e del 2022 (fino a ottobre), ma in questo secondo caso siamo di fronte a contabilità ancora non chiusa e comunque la somma potrebbe essere compensata con i crediti di Asp e aziende ospedaliere. 

Banner

Occhiuto ha precisato che in realtà il totale effettivo si avrà solo fra aprile e maggio quando le aziende approveranno i rispettivi bilanci, dopo un'ulteriore verifica con la Guardia di Finanza, e sarà "inferiore. Quelle cifre sono il massimo". Il commissario ha fatto riferimento "a crediti che sono stati comunicati due volte, una volta dalla clinica e un'altra dalla società di factor. Poi il Sant'Anna ha chiesto 100 milioni di extra-budget, cifra assolutamente lunare".

Banner

Se il commissario di Azienda zero, Giuseppe Profiti ha parlato: "Di un'operazione mai fatta nella storia della Repubblica", Occhiuto ha sottolineato che si è dimostrato che, al netto dei numeri mitologici sul debito, "era possibile farlo e noi lo abbiamo fatto in pochi mesi. Lo stock di debito delle altre regioni, cioè la media nazionale, è del 19 per cento del Fondo sanitario assegnato. Con questi numeri siamo già al 22 per cento. E noi scenderemo sotto". E' stata poi sottolineata l'importanza degli strumenti normativi messi a disposizione dal Parlamento, con la stessa procedura di circolarizzazione inserita nel Decreto Fisco-Lavoro, il blocco delle procedure esecutive. Strumenti che non hanno avuto gli altri commissari nei dodici anni precedenti, "lasciati soli dallo Stato". A tal proposito, Occhiuto non ha escluso di poter chiedere al governo di ristorare il debito prodotto dai commissari. Anche se non pare troppo frettoloso di uscire dal commissariamento.

Banner

Fra i vari focus anche uno sull'Asp di Reggio Calabria. Secondo il dirigente Sestito, il meccanismo perverso è stato quello per cui il tesoriere pagava i decreti ingiuntivi ma poi non era possibile chiudere la partita nel bilancio dell'Asp, che quindi rimaneva aperta e 'rischiava' di essere poi pagata più volte. Non ci sono particolari preoccupazione per il ricorso al Tar della BFF Bank, poiché comunque ha comunicato l'ammontare della propria pretesa creditoria.  (g.r.)

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner